Published On: Gio, Mag 30th, 2013

ENPA: l’India dice “no” ai delfinari

dolphins india

di GIADA BERTINI – “Non autorizzeremo la costruzione di delfinari in India”. Con queste parole il Ministro indiano dell’Ambiente e delle Foreste, Jayanthi Natarajan, raccogliendo l’appello lanciato da E.N.P.A. e da altre Associazioni animaliste internazionali, ha preso posizione contro lo sfruttamento di delfini e cetacei da parte dell’industria del divertimento. Sfruttamento peraltro vietato sia dalla legge indiana contro la crudeltà sugli animali (prevention of Cruelty to Animals Act) sia dalla normativa per la protezione della fauna selvatica (Wildlife Protection Act). “Questa è un’ottima notizia. – commenta Ilaria Ferri, direttore scientifico dell’Ente Nazionale Protezione Animali – Avevamo chiesto all’esecutivo di Nuova Delhi di opporsi alla costruzione dei delfinari, evidenziando come delfini e balene, animali estremamente intelligenti abituati a vivere in libertà all’interno di gruppi con relazioni familiari molto strette, fossero inadatti alla vita in cattività, che per loro rappresenta una vera condanna a morte”. Infatti, molti degli animali detenuti in tali condizioni muoiono a causa di stress e shock causati da detenzione e gravi deprivazioni, e anche gli esemplari nati in cattività mostrano segni di una profonda alterazione comportamentale, perché forzati a vivere in un ambiente artificiale. L’industria dell’intrattenimento, invece, cerca di far passare l’idea secondo cui la loro cattività avrebbe finalità educative e che gli stessi animali sarebbero “felici” di vivere in un ambiente così artefatto, di interagire con l’uomo e di eseguire tali esercizi. Conclude Ilaria Ferri: “E’ evidente che tutto ciò non ha nulla a che vedere con la presunta conservazione delle specie, poiché gli animali, privati della possibilità di comportarsi secondo le caratteristiche etologiche della loro specie, sono obbligati ad alterare i propri istinti e a subire un percorso di addestramento basato sulla deprivazione alimentare e sulla paura. Auspichiamo che altri Paesi, primo fra tutti il nostro, seguano l’esempio dell’India”.

Info sull'Autore

Lascia un commento

XHTML: Puoi usare questi html tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Leggi Zerosette online

Edizione dal 25-11 allo 08-11-20





Video Zerosette