Svetlana Zakharova in Revelation ph R. Ricci Teatro Regio di Parma (2)

Torna a ParmaDanza la divina Svetlana Zakharova, protagonista di un nuovo spettacolo sabato 11 e domenica 12 maggio, alle ore 20.00, al Teatro Regio di Parma. Nell’atteso Gala Svetlana Zakharova la prima ballerina del Bol’šoj presenta un programma di passi a due e assoli tratti dal grande repertorio classico, insieme a creazioni contemporanee mai viste in Italia. Accanto a lei sette solisti provenienti dai grandi teatri russi, quali il Bol’šoj e lo Stanislavskij di Mosca.

Riconosciuta tra le maggiori interpreti del balletto classico, Svetlana Zakharova sceglie in questo gala di mostrarsi anche in nuove, intense coreografie, alcune delle quali create appositamente per lei. Come Tristan, firmato dal coreografo Krzysztof Pastor, direttore del Balletto Nazionale Polacco, che in questo struggente passo a due mette in scena l’eros sublimato degli amanti wagneriani sulla pagina musicale della morte di Isotta. Con lei Andrej Merkur’ev, tra i partner prediletti dei suoi gala, primo solista del Balletto Bol’šoj. Invaghitasi di recente degli astratti minimalismi americani, l’étoile russa, affiancata ancora da Andrej Merkur’ev, trasforma con grazia tagliente il duo Distant Cries, del coreografo di origine taiwanese Edwaard Liang, in una soave sinfonia di linee e palpiti. A pochi giorni dal debutto al Teatro Bol’šoj il nuovo passo a due Plus. Minus. Zero su musica di Arvo Pärt, arriva sul palcoscenico di ParmaDanza interpretato da Svetlana Zakharova con il giovane Vladimir Varnava, autore della coreografia e suo partner in questa speciale occasione. La stella del balletto si mostra anche in due pièce de résistence che danno la misura del suo carisma: Revelation, l’assolo dal lirico motivo musicale ideato per lei della coreografa giapponese Motoso Hiroyama e La morte del cigno, la leggendaria miniatura di Fokin creata per Anna Pavlova, ormai diventata l’emblema di un’altra divina.

La serata è impreziosita da assoli e passi a due interpretati da giovani talenti delle compagnie di balletto russe. Dal Teatro Bol’šoj arriva la prima solista Anastasija Staškevič, che mostra le sue doti di brillante técnicienne in due pas de deux del repertorio sovietico: Le fiamme di Parigi e Acque di primavera, accanto al primo ballerino del Teatro Stanislavskij Dmitri Zagrebin, protagonista anche del virtuosistico Gopak, assolo d’epoca dalle tinte folkloristiche. Anna Ol’ e Semën Veličko, solisti rispettivamente del Teatro Stanislavskij e del Teatro di Novosibirsk, proporranno al pubblico il lunare pas de deux dal secondo atto del balletto Giselle, caposaldo del repertorio romantico, per poi esibirsi in un brano moderno su musica di Chopin, Illusive Ball.

Ad completare il programma alcuni brillanti assoli maschili: dal celeberrimo Les Bourgeois sulla chanson di Jacques Brel all’accattivante Feeling Good sulla canzone omonima di Nina Simone, entrambi danzati da Denis Untila, solista dell’Aalto Ballet Theatre di Essen, fino alla novità Scream and Smile, firmata e interpretata da Vladimir Varnava.

In occasione del debutto del Gala Svetlana Zakharova il Caffè del Teatro Regio sarà aperto al pubblico, sabato 11 maggio 2013 a partire dalle ore 18.00 fino a inizio spettacolo, per un aperitivo buffet per ritrovarsi con gli amici, per trascorrere in piacevole compagnia i momenti che precedono il debutto del balletto o anche solo per condividere il piacere di stare assieme.

Lascia una Replica

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: