Published On: Mer, Mag 15th, 2013

Ghiretti critica il sindaco: “Inaccettabile il voltafaccia sull’inceneritore”

577461_307258922682932_418106328_n

Il consigliere comunale di Parma Unita, Roberto Ghiretti, interviene in merito all’intervista rilasciata dal sindaco Pizzarotti definendo “inaccettabile il voltafaccia sull’inceneritore”.

Ho letto con vivo interesse l’intervista al sindaco di Parma e pubblicata dalla Gazzetta di Parma oggi. E da questa lettura devo dire che esce rafforzato un convincimento che mi sono fatto in questo anno di amministrazione 5 stelle: Pizzarotti più che ad una novità assomiglia sempre più a certi politici navigati di cui oggi faremmo tutti volentieri a meno. Come giustificare, diversamente, l’incredibile dietro front sulla questione termovalorizzatore a cui stiamo assistendo?

Leggere che secondo lui “In campagna elettorale si era data troppa enfasi all’argomento” ha francamente dell’incredibile. Ma c’ero solo io all’auditorium Paganini quando dichiarò che con lui Sindaco il forno sarebbe stato fermato? Non ricorda forse il sorriso beffardo con cui rispose ad un esasperato Bernazzoli che gli chiedeva con quali atti amministrativi sarebbe intervenuto?

Qui non si tratta di dire che si è fatta una battaglia e si è perso, il problema è che la battaglia non è stata proprio fatta perché la preparazione tecnico amministrativa sua e dell’assessore Folli era largamente insufficiente.

Stupefacente anche il voltafaccia verso il proprio elettorato quando dichiara “è difficile poter dire che tutta la città non voleva l’impianto”.

Ma crede davvero che Parma possa oggi tollerare dichiarazioni furbette come questa?

Quanto al resto dell’intervista il Sindaco non ci risparmia dall’ormai consueto refrain sulla mancanza di fondi, sul lavoro sottotraccia e nel farlo intanto ci conferma la totale mancanza di progetti e l’intenzione di mantenere al massimo le tasse anche nel 2014; uno stile “rigor pizzarottis” che davvero contrasta con le frizzanti dichiarazioni del suo mentore Grillo!

Una cosa comunque la voglio puntualizzare, l’avanzo di bilancio si è ridotto ad un milione di euro per una precisa scelta politica: riconoscere tutti i debiti fuori bilancio della passata amministrazione, senza guardarci dentro, senza tentare di capire chi, cosa, come. È inutile accusarci di fare polemiche sterili, io non contesto il fatto che oggi ci sia solo un milione disponibile su sedici che erano stati accantonati, contesto la scelta di come sono stati impiegati gli altri quindici.

Caro Sindaco, Parma non può e non deve diventare un’operazione di marketing per dimostrare all’Italia che il movimento 5 stelle è capace di tenere i conti in ordine. Abbiamo bisogno di governo, di idee e di competenze, tutte cose che fino a questo momento, purtroppo, latitano.

Info sull'Autore

Lascia un commento

XHTML: Puoi usare questi html tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Video Zerosette