apple.jpg_415368877

L’indagine parlamentare promossa dal Congresso americano giunge ad una incredibile conclusione: Apple ha eluso le tasse per un ammontare di 74 miliardi di dollari. Il colosso di Cupertino, così come sono solite fare numerose altre multinazionali a stelle e strisce, si avvale del diritto per diminuire il più possibile il proprio carico fiscale. Tuttavia le dimensioni dell’elusione risultano sorprendenti anche per gli esperti e i parlamentari che hanno portato avanti l’inchiesta. Tramite una fitta rete di filiali all’estero, collocate in paradisi fiscali o in nazioni che, come l’Irlanda, offrono corpose agevolazioni sulle imposte societarie, Apple è riuscita a pagare un livello irrisorio di tasse. “Apple non si accontenta di spostare i suoi profitti nei paradisi fiscali offshore, – ha dichiarato il senatore democratico Carl Levin – cerca l’esenzione totale, pretende di non avere residenza fiscale da nessuna parte”.

Lascia una Replica

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: