Published On: Mer, Mag 15th, 2013

Ilva, “Ambiente svenduto”: arrestato il presidente della Provincia di Taranto

ILVA_-_Unità_produttiva_di_Taranto_-_Italy_-_25_Dec._2007

“Ambiente svenduto”: questo il nome dell’inchiesta che ha condotto all’alba all’arresto del presidente della Provincia di Taranto, Gianni Florido, esponente del Pd giunto al secondo mandato ed segretario provinciale della Cisl. Imilitari della Guardia di Finanza hanno eseguito quattro ordinanze di custodia cautelare spiccate dal gip Patrizia Todisco: oltre a Florido, gli arresti, tutti per concussione, hanno interessato  l’ex assessore all’Ambiente Michele Conserva e l’ex segretario della Provincia di Taranto, Vincenzo Specchia, per il quale sono stati disposti i domiciliari. Tra i destinatari dei provvedimenti di custodia cautelare anche Girolamo Archinà, ex responsabile delle relazioni istituzionali dell’Ilva, il quale avrebbe facilitato l’attività del colosso siderurgico accusato di disastro ambientale. Ad Archinà l’ordinanza è stata notificata in carcere:  l’ex dirigente Ilva è detenuto dal 26 novembre.
Gli arresti nascono dalle indagini in merito all’autorizzazione della discarica “Mater Gratiae”, realizzata in una cava all’interno dello stabilimento Ilva, un sito che smaltisce rifiuti industriali e polveri prodotte negli impianti.

Info sull'Autore

Lascia un commento

XHTML: Puoi usare questi html tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Video Zerosette