File photo of ILVA steel plants are seen in Taranto

Commissariamento a tempo e limitato: è questo quanto il garante Vitaliano Esposito chiede al governo per l’Ilva di Taranto, al fine di dare attuazione all’Aia, l’autorizzazione integrata ambientale. L’ex pg della Cassazione, chiamato a sorvegliare l’applicazione delle norme ambientali, ha scritto: “L’aspetto di maggiore criticità consiste nella constatazione delle gravi conseguenze che la posizione assunta dai dirigenti e dai quadri può comportare sulla produttività dell’azienda e sulla sua stessa potenzialità a commettere reati”. Esposito parla di una “situazione di insicurezza giuridica”, che sfocia in una sorta di “inidoneità” a scongiurare i reati. L’attuale situazione, prosegue il garante “appare tanto più grave perché si tratta di uno stabilimento di interesse strategico nazionale. Uno stabilimento in cui il Consiglio di amministrazione è dimissionario”. Secondo Esposito è dunque indispensabile che si proceda con una forma di commissariamento “a condizione che sia rigorosamente temporaneo e limitato all’attuazione dell’Aia”.

Lascia una Replica

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: