crollo-del-Pil

Settimo calo consecutivo del Pil che, nel primo trimestre 2013 ha fatto registrare una flessione dello 0,5% rispetto ai tre mesi precedenti e del 2,3% sullo stesso periodo dello scorso anno. Una recessione così lunga non si verificava dal primo trimestre del 1990: in pratica, l’Italia avesse smesso di crescere dal secondo semestre del 2011. I dati Istat sono inoltre peggiori delle previsioni formulate dagli economisti i quali avevano preventivato un -0,4% rispetto al trimestre precedente e un -2,2% in raffronto ai primi tre mesi del 2012.

Le uniche notizie positive riguardano l’attenuazione della discesa rispetto all’ultimo trimestre 2012 (-0,9% sul periodo luglio-settembre) e sull’anno precedente (-2,3% contro il -2,8%).

 

 

Lascia una Replica

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: