sportello3_630x390

Niente risparmi in banca: gli italiani preferiscono mettere i propri soldi sotto il caro vecchio materasso. Secondo quanto rileva uno studio della Cgia di Mestre – basato sui dati della Commissione europea – sono circa 15 milioni gli italiani che non tengono i propri risparmi in una banca. La motivazione principale? Troppe spese di gestione. Per l’ufficio studi addirittura a livello europeo nessun altro Paese può contare un numero così elevato di persone che non possiedono contro corrente in un istituto di credito.
RECORD EUROPEO – “Questo record europeo”, ha dichiarato il segretario della Cgia Giuseppe Bortolussi, “è riconducibile a ragioni storiche e culturali ancora molto diffuse in alcune aree e fasce sociali del nostro Paese. Non possiamo disconoscere, ad esempio, che molte persone di una certa età e con un livello di scolarizzazione molto basso preferiscono ancora adesso tenere i soldi in casa, anziché affidarli ad una banca”. E, sempre secondo la Cgia, questo è vero anche malgrado il divieto di pagamento in contanti di cifre superiori ai 1.500 euro, questa pratica è ancora usuale.
LA DIFFIDENZA – ”Detto ciò – spiega il segretario Bortolussi – “è altresì vero che non sono poche le persone che diffidano delle nostre banche perché ritengono che le spese di gestione di un conto corrente siano troppo elevate. Un’accusa, quest’ultima, che gli istituti di credito respingono da sempre, ritenendo, tra le altre cose, che l’elevato costo sia da attribuire al livello di tassazione raggiunto in Italia. Un peso che non è riscontrabile in nessun altro Paese d’Europa”.

Fonte: Soldiweb.it

Lascia una Replica

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: