Schermata_10_05_13_07_50

Dopo oltre quindici giorni di ricerche tra le macerie del palazzo crollato lo scorso 24 aprile nei pressi di Dacca, in Bangladesh, sono stati trovati almeno 900 morti.

Al momento risultano sopravvissuta 2500 persone che lavoravano nei cinque laboratori dell’edificio utilizzati per la lavorazione dei tessuti anche se non c’è ancora una stima ufficiale sul numero dei dispersi. Secondo l’associazione dei produttori e degli esportatori tessili locali, nel palazzo lavoravano più di 3100 operai. Le operazioni di recupero sono ancora in corso e sta utilizzando qualsiasi mezzo, dalle gru alle mani nude, per cercare ancora tra le macerie. Una scuola vicina è stata utilizzata per sistemare i corpi come fosse un obitorio, in atesa di trasferirli negli ospedali della capitale per il riconoscimento.

Finora sono stati identificati 648 cadaveri e sono stati riconsegnati alle famiglie. Una strage che sembra non avere fine.

All’interno del palazzo crollato sono stati ritrovati numerosi capi con l’etichetta “United Colors Of Benetton”.

Lascia una Replica

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: