melandri_bmw_win_2

Dopo la bella vittoria della mattina, Marco Melandri è arrivato vicino a concedere il bis in gara 2, ma si è dovuto inchinare all’Aprilia di Eugene Laverty, che negli ultimi due giri ha chiuso ogni porta impedendogli di sorpassare. “In gara 2 c’era più caldo e le condizioni erano un po’ più difficili, poi c’era anche un po’ di filler sull’asfalto alla Roggia e in quel tratto non mi fidavo proprio. Ad un certo punto credevo di avere qualcosina in più rispetto alle Aprilia, ma non riuscivo a superarle perché Guintoli tirava in scia Laverty. Quando poi Eugene è passato, mi sono subito accodato con l’intento di provare ad attaccarlo all’ultimo giro. Questa volta però ho fatto un piccolo errore alla Parabolica e ho perso qualche metro”, ha detto il pilota BMW a fine gara. Sicuramente dopo un avvio incerto, a Monza c’è stata la svolta: “Dopo il weekend nero di Assen fare primo e secondo mi è sembrato davvero un sogno, per questo voglio ringraziare la squadra perché ha fatto un grande lavoro e sono sicuro che il mio campionato inizia adesso”.

Lascia una Replica

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: