Published On: Ven, Mag 3rd, 2013

Scatti per la Pace a Palazzo Giordani

Inaugurata a Palazzo Giordani la mostra fotografica e video sulla visita del liceo Bertolucci in Israele e Palestina

palestina mostra

Sono scatti per la pace quelli che i ragazzi del Liceo scientifico e musicale Attilio Bertolucci hanno riportato dalla loro visita in Israele e Palestina: un viaggio, il loro, sostenuto dalla Provincia di Parma, organizzato dal Coordinamento nazionale degli enti locali per la pace e i diritti umani in collaborazione con la Rete europea degli enti locali per la pace e oggi raccolto in una mostra fotografica e video a Palazzo Giordani.
Nella mostra sono esposti le fotografie più significative e i video che testimoniano il percorso, le emozioni, i vissuti di quattro allievi del liceo (Maria Chiara Zaccardi, Alberto Manassero, Pietro Barazzoni e Sara Tedeschi, accompagnati dal preside Aluisi Tosolini e dalla docente Silvia Cacciani) alle prese con il conflitto israelo-palestinese e con le sue conseguenze sulla vita quotidiana dei coetanei. La mostra sarà aperta dal 2 al 10 maggio a tutta la cittadinanza e in particolare agli studenti, e sarà accompagnata dalla pubblicazione in digitale (ebook) del diario della missione.
“Prima di partire avevamo assunto un impegno: non solo essere portavoce di pace in quel contesto ma anche restituire la nostra esperienza al ritorno a casa. Questa mostra è un modo crediamo interessante di farlo”, ha spiegato nell’inaugurazione di oggi pomeriggio il dirigente del Liceo Bertolucci Aluisi Tosolini“In questi scatti, in questo racconto per immagini, c’è la vita vera di una vicenda irrisolta come quella del conflitto tara Israele e Palestina”, ha commentato l’assessore provinciale alle Politiche sociali Marcella Saccani, che del progetto ha sottolineato “la responsabilità di riportare agli altri contenuti e immagini, cioè di farsi testimoni, e il ruolo della scuola, che è e rimane un grande strumento di educazione e di formazione ma anche appunto di chiamata alla responsabilità. I ragazzi del Bertolucci si sono fatti testimoni e portavoce, e possono diventare a loro volta strumento di contaminazione e di diffusione del loro messaggio nella loro scuola e in tutte le altre”.
Di “esperienza bellissima, che ci ha lasciato dentro tanto e ha cambiato ciascuno di noi” ha parlato la docente Silvia Cacciani. “Un’esperienza – ha osservato – nata dal sogno di un liceo che non comunica solo contenuti ma anche valori, e questo è molto importante”. Accanto a lei i quattro studenti che hanno partecipato alla missione, che hanno illustrato il percorso della mostra.

Info sull'Autore

Lascia un commento

XHTML: Puoi usare questi html tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Video Zerosette