Published On: Gio, Mag 16th, 2013

Una notte al museo in compagnia dei garibaldini fidentini

Luigi Musini_foto IBC

In occasione della “Nuit Européenne des Musées”, sabato 18 maggio, il Museo del Risorgimento “Luigi Musini” apre le porte ai visitatori a partire dalle ore 21.00, quando sarà possibile effettuare un’unica visita guidata gratuita alla ricca collezione esposta. Il Museo ha infatti aderito anche quest’anno all’importante evento internazionale, promosso dal Ministero della Cultura e della Comunicazione francese, con il patrocinio dell’UNESCO, del Consiglio d’Europa e di ICOM, il Consiglio Internazionale dei Musei. Sabato 18 maggio, infatti, in tutta Europa migliaia di musei apriranno le loro sale al pubblico, con eventi di ogni genere: dalle visite guidate agli spettacoli, dalle conferenze alle rappresentazioni.

Situato al primo piano del prestigioso ex convento settecentesco delle Madri Orsoline, il Museo ospita cimeli e testimonianze che documentano la storia del territorio e quella nazionale dal periodo napoleonico alla Resistenza. I visitatori saranno coinvolti in un percorso nuovo e inedito, alla scoperta dei garibaldini fidentini che hanno partecipato alle guerre d’indipendenza; uomini che il Comune di Fidenza ha inteso onorare intitolando loro alcune vie del centro storico.

Sfileranno così, davanti ai visitatori, episodi di coraggio ed eroismo, come quello di Giuseppe Boldrocchi, morto nella terza guerra d’indipendenza, o di Vito Aimi e Giovanni Bondi, caduti nel 1848. Si potranno ammirare: la camicia rossa di Donnino Ramenzoni, le canzoni napoleoniche di Francesco Gramizzi (tra i fedelissimi di Napoleone Bonaparte, che accompagnò addirittura a Waterloo). E ancora le medaglie della Legione d’onore di Francia assegnate a Musini e a Cremonini, le patenti di servizio di Amos Ronchej (facente parte dello stato maggiore di Garibaldi). Sbiadite, ma bellissime, sono anche la fotografia di Eugenio Pescina (che salpò da Quarto con Garibaldi per la famosa spedizione dei Mille) e di Napoleone Gialdi, che mise a repentaglio la vita e la carriera di violinista partecipando alle campagne garibaldine del 1860 e 1866.

Info sull'Autore

Lascia un commento

XHTML: Puoi usare questi html tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Video Zerosette