l43-bossi-maroni-120405212135_big

Guerra civile nella Lega Nord dove è scontro aperto tra Bossi e Maroni a causa delle tensioni accumulate da mesi e del risultato non eccezionale delle scorse amministrative.

“A me non mi ammazza nessuno, e stavolta mi hanno fatto davvero incazzare. Il capo della Lega resto io” ha ribadito il Senatur in un’intervista a Repubblica. Bossi ha dato anche del “rammollito”, ha difeso l’alleanza con Berlusconi e si dice pentito di aver chiesto scusa per lo scandalo Belsito: “Non lo rifarei mai, non ripeterei quelle parole”. Per questa ragione, il padre del Carroccio ha affermato: “A furia di buttare fuori gente e tradire gli ideali della Lega la pressione su di me s’è fatta irresistibile. Devo per forza rimettermi alla guida del partito”.

Ostenta sicurezza invece Maroni: “Non sono per nulla preoccupato: l’unico effetto che hanno queste interviste è di danneggiare la Lega e di contribuire a rendere più difficile la vittoria ai ballottaggi”.

Lascia una Replica

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: