Published On: Ven, Giu 21st, 2013

Marketing e ristoranti

Wine

di GIORGIA FIENI – Avete finalmente deciso quale sarà il vostro futuro: aprire un ristorantino. Gironzolando qua e là avete scoperto un locale carino a cui aggiungere un discreto numero di tavoli ed una cucina ben fornita. Avete contattato dei produttori capaci, in gamba, che vi assicureranno sempre una materia prima di qualità. Avete trovato del personale di sala che promette di essere affabile e affidabile e che è in grado di rispettare le tempistiche e di conoscere le pietanze. Voi stessi siete capaci di cucinare e di inventare per trovare un menu che vi caratterizzi. Resta solo un problema da risolvere: come farlo conoscere?
Ci sono due strade. La prima, ma potete percorrerla solo se siete chef famosi o talentuosi concorrenti, è partecipare ad un talent show. In questo modo desterete la curiosità altrui e i clienti vi verranno a cercare pure se esercitate il mestiere in un luogo impervio. La seconda è decidere una strategia di marketing affidabile e coerente con le vostre aspettative.
E confidare tantissimo nel passaparola. Il punto è che oggi non è più il chiacchiericcio tra persone che abitano nella stessa città o regione: oggi il social è globale. Strumenti come Facebook, Twitter, Google places, Tripadvisor e Foodspotting (di cui abbiamo già parlato) sono in grado di far trovare il vostro ristorante a qualcuno solamente con l’aiuto di un navigatore…basta una recensione positiva, anzi, meglio, un “like”, ed il gioco è fatto.
Non si tratta più di lavorare bene per impressionare il critico gastronomico che poi scriverà bene di voi e magari vi aiuterà pure a guadagnare qualche stella (o forchetta o cappello) che vi attirerà la folla incuriosita…il procedimento logico ora funziona esattamente al contrario: prima conquistate i singoli (vedendovi attivi sui social, che terrete aggiornati e a cui risponderete con perizia), poi i critici, infine i riconoscimenti.
Il geolocal networking e il geomarketing funzionano proprio in questo modo. Un libro di Paola Imparato lo spiega nei dettagli, fornendo anche qualche consiglio utile per iniziare: per esempio creare particolari promozioni per chi porta un amico per la prima volta o per chi, durante la settimana, portasse la famiglia o per chi volesse organizzare nel locale una cena di lavoro con almeno 20 persone..
Se dunque avete la passione per la cucina, ma soprattutto per la ristorazione, pensateci…

Info sull'Autore

Lascia un commento

XHTML: Puoi usare questi html tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Leggi Zerosette online

Edizione dal 25-11 allo 08-11-20





Video Zerosette