berlusconi2

“Tentano di eliminarmi dalla politica ma vado avanti, confermo leale sostegno a governo. L’odierna decisione della consulta, che va contro il buon senso e tutta la precedente giurisprudenza della corte stessa, non avrà alcuna influenza sul mio impegno personale, leale e convinto, a sostegno del governo né su quello del Popolo della libertà”. Così Silvio Berlusconi ha commentato la decisione della Corte costituzionale di respingere il conflitto di attribuzione tra poteri sollevato dalla presidenza del Consiglio nei confronti del tribunale di Milano in merito al legittimo impedimento con il quale il Cavaliere, allora premier, aveva chiesto il rinvio di un’udienza del processo Mediaset. Un procedimento che ha visto condannare Berlusconi in primo grado e in appello a 4 anni di reclusione, di cui 3 coperti da indulto, e a 5 anni di interdizione dai pubblici uffici. La definitiva sentenza della Cassazione è attesa nei prossimi mesi.

Lascia una Replica

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: