Una monaca tibetana si è immolata per protestare contro il controllo cinese sul Tibet. E’ la 120esima vittima di questi atti estremi a partire dal febbraio 2009. Secondo fonti del governo tibetano in esilio in India, la donna si e’ data data alle fiamme durante una preghiera di massa nei pressi del monastero di Nyatso a Tawu (Daofu per i cinesi), nella provincia del Sichuan. Al momento, non si conoscono le condizioni della donna.

Lascia una Replica

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: