soldi

Un funzionario di una banca di Viterbo e un pregiudicato sono stati arrestati nell’ambito di un’operazione contro l’usura. Il funzionario, secondo quanto verificato dagli inquirenti, avvicinava clienti in difficoltà economica e, facendo leva sul suo ruolo dirigenziale, ne controllava le posizioni finanziarie, fornendo informazioni riservate al pregiudicato verso il quale indirizzava i clienti. A detta degli investigatori, il funzionario non si occupava solo del procacciamento ma attraverso pressioni e minacce spingeva le vittime a ripianare i propri debiti. I soldi venivano prestati a tassi di interesse incredibilmente alti, tali da aggirarsi addirittura fra il 59 fino ed il 300% su base annua.Tra le vittime, due imprenditrici e un commerciante, quest’ultimo costretto a scappare in Romania per sfuggire alle minacce: Le accuse sono di usura aggravata, estorsione tentata e consumata ed esercizio arbitrario di attività della professione di intermediario finanziario.

Lascia una Replica

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: