Published On: Mer, Lug 17th, 2013

Aeroporto verso la chiusura? Pizzarotti punta al rilancio

aeroporto.ingresso-g

Dopo l’incontro tra i sindacati ed i vertici della Sogeap, la società che gestisce l’aeroporto di Parma, ha iniziato a serpeggiare qualcosa che potrebbe essere definito molto più che un’indiscrezione o una voce davvero preoccupante.
A metà settembre lo scalo potrebbe chiudere e il personale, composto da circa duecento persone, venticinque dipendenti della Sogeap, più quelli delle società che forniscono i servizi a terra e di pulizia, verrebbe licenziato.
Il futuro del Verdi dipende quasi totalmente dalla scelta che la banca austriaca Meinl Bank, socio di maggioranza che si trova adesso davanti ad un bivio, adotterà il prossimo 31 luglio: confermare il proprio impegno o ritirare la propria partecipazione.
In quest’ultimo caso, i costi dell’aeroporto parmigiano risulterebbero assolutamente insostenibili e servirebbe trovare al più presto un nuovo investitore privato pronto a rilevare le quote e a versare decine di milioni di euro nei prossimi anni: un obiettivo molto arduo da raggiungere.
O, in alternativa, si renderebbe necessario lo sforzo unitario di enti pubblici e aziende del territorio, Comune, Provincia, Camera di Commercio, per coprire le spese che si aggirano ad almeno tre milioni all’anno: per raggiungere il pareggio di bilancio ed aumentare il volume di traffico dello scalo che, occorre ricordarlo, non rientra neppure nell’ultimo piano di riorganizzazione degli aeroporti italiani realizzato dal governo.

AGGIORNAMENTO – Ieri il Comune di Parma ha inviato il seguente comunicato:

Con un vertice convocato in Regione al Tavolo dell’Assessore regionale dei Trasporti Alfredo Peri, il Sindaco Pizzarotti assieme a Provincia, Camera di Commercio, imprenditori e consiglieri regionali, ha quest’oggi chiesto di rivedere il declassamento dell’Aeroporto Giuseppe Verdi, un piano voluto dal Governo contro cui il Comune si è sempre opposto. “Abbiamo richiesto alla Regione la convocazione di un Tavolo, l’obiettivo è mantenere il Verdi come scalo di rilevanza nazionale: la proposta è quella di chiedere  una concessione 20ennale dello scalo”. Il proposito, condiviso anche dall’Assessore Regionale, è il suo rilancio. “Il Presidente Errani e l’Assessore Peri – ha detto Pizzarotti al termine del summit – presto incontreranno il Ministro alle Infrastrutture Maurizio Lupi per portare all’attenzione del Governo le nostre istanze. L’intenzione  – conclude – è creare una rete di infrastrutture che metta in relazione i territori vicini (Piacenza, Reggio Emilia e Modena), per potenziarne produttività ed economia: mantenere l’aeroporto è vitale anche per questo”

Info sull'Autore

Lascia un commento

XHTML: Puoi usare questi html tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Leggi Zerosette online

Edizione dal 25-11 allo 08-11-20





Video Zerosette