Published On: Lun, Lug 29th, 2013

Roma, 24 settembre: una manifestazione per fermare le banche

aaa

Il 24 settembre alle ore 10 si svolgerà un’importante manifestazione a Roma in piazza Cavour davanti al Palazzaccio della Corte di Cassazione. Scopo dell’appuntamento è quello di protestare con indigrazione “contro le banche e la criminalità economico-finanziaria-giudiziaria”, come spiegano i promotori dell’iniziativa tra i quali compare anche il nostro settimanale.
Una manifestazione indetta, dunque, “per affermare il principio di uguaglianza dei cittadini di fronte alla legge e il diritto ad una giustizia dal volto umano, a fianco della parte sana della magistratura, non disposta a svendere il ruolo di garante della legalità, alle lobby massonico-bancarie che hanno occupato le istituzioni, ed alle quali larghi settori della magistratura e dei partiti di regime garantiscono preventiva impunità e leggi “ad personam” e “ad castam” , con le quali l’attuale classe dirigente pretende di cucirsi addosso un salvacondotto collettivo. Per sollecitare misure di sospensione dei procedimenti esecutivi per le prime case e le aziende in crisi e fare rete con tutte le associazioni italiane che si battono per il rispetto dei diritti umani. Per promuovere un  referendum popolare per cancellare il debito pubblico come in Islanda e introdurre la responsabilità civile e penale dei magistrati, per manifesta violazione del diritto interno ed europeo nella attività interpretativa e di valutazione del fatto e delle prove”.
“Oggi la più grave minaccia – denunciano gli organizzatori – proviene dall’attuale sistema finanziario che permette ad una ristrettissima élite di agire senza alcun freno morale, politico, legislativo e giudiziario, schiavizzando il Popolo Italiano e portando alla miseria Grecia, Spagna, Portogallo, Irlanda, Cipro e Islanda, la quale ultima si è però per prima ribellata, arrestando i banchieri ed azzerando il debito pubblico, attra -verso un referendum . Una rivoluzione pacifica è possibile anche in Italia, dichiarando che quello che viene definito “debito pubblico” non è esigibile, poiché non contratto dallo Stato Sovrano, ma dalle banche contro gli interessi della popolazione”.
“Nel nostro Paese banchieri e magistrati hanno ancora privilegi immensi, – lamentano i promotori – tanto da essere ritenuti “intoccabili” e al di sopra della Legge, potendo decidere, garantiti dall’impunità del sistema, il destino di una Azienda ovvero letteralmente della vita dei cittadini stessi, senza doversi poi preoccupare di eventuali responsabilità penali né tantomeno civili, che trovano fondamento nell’art. 28 della Costituzione.
In un momento di emergenza economica – affermano – le Aziende e le Famiglie non hanno bisogno di sola liquidità e fidi, ma,  soprattutto di rimuovere le richieste di rientro immediato e le segnalazioni in sofferenza, congelando almeno per un paio di anni le azioni monitorie ed esecutive, che molto spesso riguardano somme non dovute e gravate da tassi anatocistici .Quella che viene chiamata crisi finanziaria non è altro che il risultato di politiche programmate per realizzare l’esproprio di massa dei risparmi di miliardi di cittadini, sia nei paesi europei sia a livello mondiale”.
“Molti – concludono – credono ingenuamente che le banche siano istituzioni socialmente utili che investono i risparmi dei Clienti per produrre profitti. Pochi associano le crisi economiche, la disoccupazione e le guerre al sistema finanziario e quindi comprendono la vera natura del potere  globale che oggi soffoca l’intera umanità. I politici sono subordinati a queste logiche perverse e la loro abilità non consiste nel buon governo, ma nell’ingannare i popoli facendogli credere di essere al servizio del Paese”.

PROMOTORI:
Avvocati Senza Frontiere
Il Delitto di Usura clicca
Confedercontribuenti
La Voce di Parma
Movimento Lo Sai
Movimento per la Giustizia Robin Hood
Movimento Credito alle Imprese
Sete di Giustizia
SOS ABUSI
R.T.M. Radio Televisione
Accademia delle Libertà
Per il Bene Comune
Cosa Pubblica
Tutela Interessi Clienti banche
Comitati Parmalat e Bond Argentini
ZERO 7 News

Info sull'Autore

Lascia un commento

XHTML: Puoi usare questi html tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Video Zerosette