obama siria

La commissione Esteri del Senato Americano ha raggiunto un’intesa su una risoluzione a favore di un intervento militare in Siria. Il testo prevede un limite massimo di sessanta giorni di missione più un’estensione – a discrezione del presidente e previo via libera del Congresso -, di trenta giorni. L’accordo, si legge nella bozza presentata, esclude l’uso delle forze armate di terra e la commissione dovrebbe votare la risoluzione nelle prossime ore. Nel caso in cui venga approvata, andrà in aula dopo il 9 Settembre.
Nel frattempo, Barack Obama ha già ottenuto il sostegno delle figure chiave del Congresso, tra cui anche HIllary Clinton che si è già espressa a favore di un intervento in Siria. Forte del suo appoggio, Obama ha chiesto un voto in tempi rapidi per dare il via libera al raid: “Stiamo parlando di un intervento limitato, proporzionato, che è un messaggio non solo ad Assad, ma anche ad altri che potrebbero pensare di usare armi chimiche in futuro”. Resta comunque il timore che i repubblicani decidano di non seguire i propri leader e votare contro la missione.

Lascia una Replica

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: