no tav

Tre simpatizzanti no Tav sono stati messi agli arresti domiciliari per violenza privata ai danni di una giornalista. La cronista durante una manifestazione “no tav” davanti al cantiere di Chiomonte, venne costretta ad allontanarsi. L’episodio risale ai primi di agosto. La giornalista, collaboratrice del quotidiano La Repubblica, venne accerchiata da un gruppo di manifestanti che pretesero di vedere i suoi documenti e il cellulare. In seguito la costrinsero a rientrare, e le fotografarono l’auto.

Fonte: Ansa.it

Lascia una Replica

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: