ORTI

di GIORGIA FIENI – Nella scorsa puntata ci lamentavamo dei cibi industriali scomparsi dalla nostra lista della spesa e ci siamo lasciati osservando che lo stesso è capitato a certuni prodotti agricoli. La varietà delle materie prime a nostra disposizione si è infatti notevolmente ridotta, per cui si è ricorsi a qualche operazione di salvaguardia e/o ripristino, quali l’orto e i seed saver.
L’orto è la risorsa degli ultimi anni. Siamo diventati tutti coltivatori, anche se abitiamo in città: un sondaggio del 2012 stima un totale di 2,7 milioni di italiani. L’hobby farming aiuta i bambini in età scolare a scoprire da dove provengono gli alimenti di cui regolarmente si nutrono e ad averne cura e gli adulti ad avere più rispetto e pazienza, oltre che a conoscere il valore di un cibo salubre. Ma alcuni lo fanno anche per stare all’aria aperta o semplicemente per liberare la mente dai problemi quotidiani, entrando in contatto con un’attività pratica (richiede tempo e fatica) ma spirituale allo stesso tempo (i meccanismi che governano la natura sono imperscrutabili). Si coltivano verdure, ortaggi, frutta ed erbe aromatiche, sul balcone come negli appezzamenti urbani, e lavorare tutti assieme sullo stesso terreno aiuta la comunità a progredire, a conoscersi, a svilupparsi e l’ambiente ad espandersi e a rinvigorirsi.
Un’altra ricerca condotta sempre nel 2012 ha calcolato che sono scomparse 33 varietà di broccolo, 300 di frumento su 400 presenti a inizio secolo e che ne abbiamo una sola di cocomero sulle 25 originali. Ma non sono perse per sempre, almeno secondo il movimento dei seed saver, nato in America negli anni ’70, che si sta alacremente adoperando per riprodurre semi ricevuti dagli orticoltori e ridistribuirli gratuitamente a tutti coloro che li vogliono coltivare. Il loro lavoro si è diffuso anche in altri stati, come l’Australia e l’Italia, e sta ottenendo ottimi risultati perché salva specie non solo autoctone e non solo rare: patate, cavoli, legumi, cereali…tutto ciò che entra nelle nostre abitudini alimentari deve essere protetto, perché niente dura in eterno.
La vita non è solo nostra, si sa…sembra un luogo comune ma in realtà è un pensiero su cui riflettere a lungo. E questo articolo vi dimostra che solo pensarci non è più sufficiente…occorre agire tempestivamente.

Lascia una Replica

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: