tavolo
Monica Assirati ha 29 anni, vive sull’Appennino Parmense a Bardi. Dopo tre anni di disoccupazione ha passato le selezioni e partecipato lo scorso anno a uno dei percorsi a elevata specializzazione promossi dalla Provincia e progettati con le aziende del territorio. Oggi è disegnatore meccanico alla Dallara Automobili. Salvatore Scalzi di anni ne ha 23 e vive a Salsomaggiore Terme, anche lui ha fatto la stessa scelta di Monica e frequentato il corso per analista programmatore specializzato in mobile. Oggi quello è il suo mestiere presso l’azienda Web 81. Le loro storie le hanno raccontate questa mattina a Parma in Provincia insieme al presidente Vincenzo Bernazzoli e all’assessore alle Politiche del lavoro Manuela Amoretti durante l’incontro di presentazione della formazione per i giovani contenuta nel piano provinciale 2013.
“ Oggi presentiamo una cosa concreta che ha avuto risultati tangibili e verificabili e che racconta di come la formazione possa essere utile e possa essere strumento importante per aprire prospettive di sviluppo” – ha detto Bernazzoli ricordando alcuni dati riferiti alla stessa azione sperimentata per la prima volta lo scorso anno. A poco meno di due mesi dalla conclusione della formazione, un giovane su tre (erano 64 i partecipanti) ha trovato lavoro, uno su cinque sta svolgendo un tirocinio in azienda e per gli altri che stanno cercando il lavoro ci sono diverse assunzioni programmate. Questo buon esito si aggiunge a quelli ottenuti dalla formazione programmata dalla Provincia negli ultimi tre anni, i più duri della crisi. Dal 2010 al 2012 risultano essere 2200 i giovani che hanno trovato lavoro grazie all’intervento diretto e verificato delle  politiche attive e dei servizi per il lavoro della Provincia.
Parlando della formazione programmata per il 2013 iniziamo dalle azioni per i giovani   perché vogliamo dare il senso di una urgenza e di una priorità – ha continuato AmorettiC’è il rischio che una parte delle nuove generazioni sia ai margini, fuori dalla formazione e dal lavoro e sappiamo che le competenze decadono presto se non vengono aggiornate. Noi abbiamo cercato di contrastare questo rischio con tutti i mezzi a disposizione e di tenere dentro i giovani in modo qualificato”.
A Parma e nel Parmense il tasso di disoccupazione è ancora la metà di quello registrato a livello nazionale e al di sotto di alcuni punti rispetto a quello regionale: 12,3 nel 2011 e 19,2% nel 2012.
L’azione avviata ora con il Piano formativo 2013 si inserisce nell’ambito del complesso delle politiche dell’ente per i giovani ed è costruita a più mani: la Provincia e le aziende, ben 52,chiamate non solo a individuare le professionalità utili ma anche a partecipare direttamente alla creazione delle attività formative che vengono svolte anche sul campo.
L’investimento complessivo della Provincia sul progetto  è di 340mila euro (con il contributo del Fondo sociale europeo). I destinatari sono giovani diplomati o laureati, fino a 34 anni, iscritti in stato di disoccupazione ai Centri per l’impiego della Provincia di Parma: 75 i posti disponibili.
Sognavo questo posto di lavoro perché ho sempre voluto fare il disegnatore meccanico – ha raccontato Monica Assirati è un traguardo molto abito che sono riuscita a raggiungere e devo solo ringraziare per l’opportunità che mi è stata data”.
“ Sono la prova vivente che i soldi delle nostre tasse sono andati a buon fine – ha aggiunto Salvatore Scalzi adesso faccio il lavoro che mi piaceva di più”.
Questi i 5 percorsi formativi dell’edizione 2013: Energy manager, Disegnatore meccanico, Project Management dell’innovazione, Tecnologo di prodotto e di processo nella meccanica (settore materiale compositi e alta automazione), Esperto nei processi di semplificazione e innovazione nell’impresa. Le attività, gestite da 5 enti di formazione (Centro servizi Pmi, Cisita, Forma Futuro, Irecoop e Ciofs F.P. Emilia Romagna) prevedono il coinvolgimento di un pool di imprese per ogni profilo. Tra queste Dallara, Nuova Isam srl, Gas One srl, Sep Energia srl, Casappa Spa, A due, Zanichelli Meccanica spa, Torbocoating, Dulevo International spa, Fora Spa, Bercella, Fiama srl.  Le imprese parteciperanno anche alla fase di selezione dei candidati. Tutti i percorsi prevedono la formazione riferita agli standard del sistema regionale delle qualifiche e sul campo, nelle aziende partner.

Ecco alcuni dati relativi al triennio 2010 -2012

Disoccupati  fino a 34 anni a Parma ( dati Istat) 
2010:  1993
2011:  1293
2012:  2432

Dei 2200 giovani, tra i 15 e  i 34 anni, che  hanno trovato lavoro grazie all’intervento della Provincia, 850 lo hanno trovato dopo un tirocinio o una work experience promosso dai Centri per l’Impiego, 300 sono stati inseriti attraverso le iniziative di outplacement, 700 grazie al servizio di intermediazione domanda – offerta di lavoro dei Cpi, 350 hanno frequentato un percorso di formazione per disoccupati e che entro 6 mesi dalla fine del corso hanno trovato lavoro

Sono 273  i giovani assunti o stabilizzati attraverso incentivo regionale il cui programma è stato gestito dalle province

Sono 780  i giovani sotto il 18 anni che avevano  abbandonato gli studi – e dunque a fortissimo rischio di esclusione sociale – che hanno ottenuto una qualifica professionale biennale

Sono 1.770 i giovani lavoratori  che hanno avuto la possibilità di aggiornarsi ed hanno  mantenuto la loro occupazione

Sono 6148 i giovani che sono stati segnalati dai centri per lì’Impiego ad aziende del territorio alla ricerca di personale

Sono 9.000 gli interventi di orientamento professionale e supporto sulle tecniche di ricerca attiva del lavoro

Lascia una Replica

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: