fotovoltaico

di AURORA PATERA – La procura di Bari ha avviato una serie di accertamenti sulle fideiussioni concesse per lo smaltimento dei numerosi impianti fotovoltaici presenti sul suo territorio. Il mercato dell’energia verde non è affatto esente da truffe e imbrogli. Stavolta sarebbero sotto esame le fideiussioni concesse per garantire i costi di smaltimento degli impianti, che fra una ventina d’anni rischiano di gravare sulle spalle dei cittadini. Questo perché si teme che le fideiussioni, solitamente a scadenza bimestrale, non vengano rinnovate e che al termine della vita degli impianti siano poi Regione e Comuni a dover sostenere i costi di smaltimento.
La magistratura ipotizza il reato di truffa a carico d’imprenditori e funzionari regionali, soprattutto nel caso dell’impianto di Restinco, dove sorge un impianto da 23 megawatt costato più di 100milioni di euro e salito all’onore delle cronache a maggio per alcuni dubbi sorti sulle autorizzazioni concesse per la sua costruzione.

Articolo Precedente

Lascia una Replica

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: