PinkRoute

di ANDREA PAPA – A contrastare la crisi economica ci pensano le donne. Nasce a Piacenza la “Pink Route”, la strada rosa della creatività femminile piacentina, un progetto ideato dal Comitato per l’imprenditorialità femminile di Piacenza e sostenuto dalla Camera di Commercio, per dare l’opportunità alle ventisette aziende partecipanti (tutte rigorosamente imprese femminili, sia chiaro) di mettersi alla prova e farsi conoscere al grande pubblico. Ventisette brillanti imprenditrici piacentine che si sono quindi unite per aumentare la propria forza sul mercato del turismo. Sono nati così dei pacchetti che prevedono la possibilità di mangiare, dormire e godere delle bellezze del territorio in svariate strutture di Val d’Arda, Val Nure e Val Tidone, imparando a conoscere ed apprezzare tutte le eccellenze locali.

Alla faccia di chi dice che le donne non hanno spirito di cooperazione, le sette donne che compongono il comitato per l’imprenditorialità femminile di Piacenza, rappresentano ognuna delle categorie economiche coinvolte (cooperazione, artigianato, commercio, industria, agricoltura, credito, lavoro); il progetto, creato sì dalle donne per le donne, nasce con notevoli ambizioni, e nonostante tutto si rivolge ad un pubblico che si spera possa essere il più vario possibile.

Un reazione decisa alla crisi economica, fatta di collaborazione e cooperazione. La “pink route” vuole valorizzare le imprese locali attraverso il territorio e vuole valorizzare il territorio attraverso i suoi mestieri, ecco quindi che i diversi pacchetti offerti si articolano in quattro temi che fanno da filo-conduttore: arti, colori, mestieri e sapori.

Questa è la “pink route”: un turismo non convenzionale, fatto di piccole cose, ma capace di grandi emozioni. (visita qui il sito ufficiale del progetto)

Lascia una Replica

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: