Published On: Ven, Ott 25th, 2013

“Le Festin Nu” a Parigi: bachi da seta, scorpioni e scarafaggi sul menu del ristorante

213601058-7c81ad55-edb7-4781-a796-89d34260e22e

di ANDREA PAPA – Cavallette che si affiancano ai piatti più tradizionali. No, non è assolutamente incredibile, questo ristorante del diciottesimo arrondissement di Parigi ha proprio deciso di ampliare il menu con varie pietanze di insetti.

Il promotore dell’iniziativa, nonchè proprietario del “Le Festin Nu” (che tradotto significa “pranzo nudo”), Elie Daviron, 26 anni si considera come un cuoco all’avanguardia. Il suo obiettivo è quello di proporre ai clienti una nuova esperienza di gusti totalmente diversi da quelli a cui sono abituati. E così nel menu si possono trovare bachi da seta serviti con piselli, zenzero sottaceto e cetriolo o scorpioni d’acqua giganti, serviti con aglio nero fermentato e peperoni canditi della Corea. Ma il giovane ristoratore, ci tiene a precisare che il suo non è un ristorante a base di insetti. Affianco alle cavallette, si trova anche il filetto alla «sauce bourguignonne» o il classico magret de canard. Ma la filosofia è quella di «aprirsi ad una fonte di proteine più ecologica della carne o del pesce».

Gli insetti vengono acquistati dal ristorante per 500 euro al chilo e sono consegnati secchi e disidratati in modo da «conservare il loro sapore sottile», e poi non va dimenticato che proprio la FAO alcuni mesi fa, in un rapporto ha proprio incoraggiato a cibarsi degli insetti (che sono già parte integrante dell’alimentazione di più di 2 miliardi di persone).

E il locale, nel giro di pochi mesi, ha già raddoppiato i propri clienti.

Info sull'Autore

Lascia un commento

XHTML: Puoi usare questi html tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Video Zerosette