Published On: Mar, Ott 8th, 2013

L’IKEA ci è vicina. I prezzi “svedesi” non hanno paura dell’aumento dell’Iva

BV9_MGJIAAAVd-e.jpg-large

di ANDREA PAPA – L’aumento dell’imposta dell’Iva dal 21 al 22% ha come pronosticato subito prodotto un deciso aumento dei prezzi. Il costo di scarpe, vino, birra, tv, radio, computer, e poi ancora benzina, giocattoli, detersivi e parrucchieri è schizzato assieme a tutto il resto della raffica dei rincari (che però, si spera almeno per il momento, non dovrebbe “colpire” anche i beni di prima necessità).

Eppure non tutti stanno perseguendo questa “corsa all’aumento”. E’ il caso dell’IKEA, azienda svedese leader mondiale nel settore della vendita di mobili, complementi d’arredo e oggettistica per la casa. Lars Petersson, amministratore delegato del gruppo in Italia, ha infatti sottolineato in una nota che l’azienda ha intenzione di assorbire totalmente l’aumento dell’Iva, dichiarando che “si tratta di un impegno notevole che ricambia, nei fatti, la fiducia che quotidianamente un gran numero di persone dimostrano visitando i nostri negozi”.

Non va dimenticato inoltre che l’azienda svedese dal 1997 ha gradualmente ridotto anno per anno i prezzi dei prodotti in catalogo profilando un taglio che nel 2014 sarà dello 0,90% a fronte di una crescita dei prezzi al consumo dell’1,50% (fonte Istat).

Info sull'Autore

Lascia un commento

XHTML: Puoi usare questi html tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Leggi Zerosette online

Edizione dal 25-11 allo 08-11-20





Video Zerosette