Published On: Ven, Ott 25th, 2013

Usura, sequestrati beni ad imprenditore

usura-roggiano

Proseguono le vicende di Alberto Trisolino, l’imprenditore pugliese accusato di usura nei confronti dei suoi concittadini a Taviano ad aprile scorso. Questa volta il sequestro riguarda titoli di credito versati in procedure esecutive da lui avviate nei confronti di tre fratelli e che erano pendenti davanti alla sezione commerciale del Tribunale di Lecce. I tre fratelli avrebbero perso la casa il 28 ottobre, data in cui era prevista la vendita.
Gli interessati però hanno chiesto e ottenuto il sequestro di questi titoli che, insieme ad altri, sarebbero stati contratti in virtù dell’attività di usuraio di Trisolino.
A Trisolino erano stati già sequestrati beni per un valore di 10milioni di euro in seguito all’accusa di usura. L’imprenditore infatti pretendeva la restituzione di cifre che aveva prestato con un interesse che andava dal 60% fino a oltre il 200%. Il provvedimento però era stato annullato. In questo caso comunque, il giudice ha sequestrato tutti i titoli coinvolti in procedure esecutive, così da dare un vantaggio anche ad altri, in condizioni simili ai tre protagonisti della vicenda.

Info sull'Autore

Lascia un commento

XHTML: Puoi usare questi html tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Video Zerosette