Published On: Lun, Nov 25th, 2013

25 novembre: l’Italia contro la violenza sulle donne.

femminicidio

di FRANCESCA FONTANA – Le vittime di femminicidio nell’ultimo anno sono già 128. Una donna su tre, di età compresa fra i 16 e i 70 anni, ha subito una qualche forma di violenza nel nostro Paese. Questo è il dato Istat: in numeri, 6 milioni e 743mila. Sappiamo bene però che fare i conti non basta: serve qualcosa di più, qualcosa che muova potentemente contro. Proprio per questo, nella Giornata internazionale contro la violenza sulle donne, moltissime iniziative investiranno non solo Parma ma tutta la penisola. Una data simbolica che è stata scelta dall’ONU quattordici anni fa in onore e in ricordo delle tre sorelle Mirabal, eroine della lotta di liberazione della Repubblica Dominicana, torturate e uccise nel 1960 dagli agenti del dittatore Trujillo. Negli ultimi anni l’Italia si è mostrata sempre più attiva e impegnata nel combattere questo drammatico scenario, che si propone agli occhi e sulla pelle di tante donne ogni giorno. Fra le iniziative, a livello nazionale, si sono mosse anche le donne della Cgil assieme a ‘Se non ora quando’, indicendo uno sciopero collettivo e organizzando un flash mob, in piazza a Roma, cui parteciperà anche Susanna Camusso. Unite contro la violenza è uno degli slogan.

In prima linea anche la Presidente della Camera, Laura Boldrini.


Finalmente ero debole, e arrendevole. Mi aveva messo a terra, non voleva farlo ma… non aveva più argomenti per spiegarmi la sua inadeguatezza. Ero cresciuta troppo per lui, non ce la faceva a starmi al passo, non riusciva più a reggere il confronto. Si sentiva inferiore e non aveva altra scelta che ricorrere alla forza fisica, perché in quella era ancora superiore a me. Così, almeno, ha vinto l’ultima partita.”

Questa è la conclusione di uno dei monologhi che compongono “Ferite a morte”, antologia sulle orme di Spoon River, in tour da un anno. Oggi su invito della Presidente Boldrini i monologhi di questo progetto teatrale di successo saranno letti da parlamentari e ministre, attrici e cantanti: l’evento si terrà alle 17 presso la Sala della Regina e il tutto sarà trasmesso in diretta web sul sito della Camera.
Ospiti anche alcuni volti maschili del cinema italiano, tra i quali Alessio Boni e Alessandro Roja, che nei giorni scorsi hanno aderito alla campagna dell’Ong Intervita, ‘Servono altri uomini’. La Boldrini stessa dichiara:
“La battaglia sulla violenza di genere è persa in partenza se tra i nostri interlocutori non ci saranno soprattutto gli uomini”. In collegamento con la Camera da New York Serena Dandini parteciperà ‘a distanza’, perché impegnata oltreoceano per presentare il proprio progetto – con artisti di spicco come Marina Abramovic e Amanda Palmer – nella Sede delle Nazioni Unite. 

25 novembre, contro il femminicidio e contro la violenza sulle donne: l’Italia c’è. Noi anche.

Info sull'Autore

Lascia un commento

XHTML: Puoi usare questi html tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Video Zerosette