economia

Tutti, quando si parla di scatola nera, sanno a cosa ci si riferisce: un dispositivo, generalmente associato ad aerei e navi, in grado di registrare tutti i dati sensibili di un viaggio e diventare strumenti indispensabili nella ricostruzione della gestione delle emergenze e, nel peggiore dei casi, nell’aiutare a chiarire le cause di eventuali incidenti. Da qualche tempo, le scatole nere hanno cominciato a essere installate sulle autovetture, garantendo notevoli risparmi nella stipula di una polizza rc auto. Il motivo è presto spiegato: la scatola nera funziona con un sistema di accelerometri che immagazzinano una serie di dati decisivi per capire l’andamento di un veicolo e i problemi che ci possono essere stati in caso di incidente (per fare un paragone, si potrebbe pensare al sistema di telemetria, usato in Formula 1 per analizzare le prestazioni delle vetture). Tra i dati registrati ci sono quelli della velocità, dell’accelerazione, delle marce inserite, tutte componenti che consentono una maggiore trasparenza in caso di un sinistro e riducono sensibilmente la possibilità di truffe, dando la possibilità, quindi, alle compagnie assicurative, di abbassare le tariffe ai loro assicurati.
Se munita di un rilevatore GPS, inoltre, la scatole nera permette di rintracciare l’autoveicolo localizzandolo in tempo reale e fornendo così alla polizia un preziosissimo alleato in caso di furti.
Allíestero il sistema è già abbastanza diffuso, mentre nel nostro paese sta cominciano a prendere piede molto lentamente solo negli ultimi anni. Parte della colpa la si può anche attribuire a un iter legislativo che ancora non ha fatto chiarezza e non ha portato all’individuazione di uno standard comune per il settore.
I risparmi che si possono ricavare, quindi, sono molto variabili, con sconti che partono da un 15% e possono spingersi fino al 50% per le assicurazioni che offrono contratti prestabiliti nel caso si rimanga al di sotto di un certo chilometraggio. La scatola nera, infatti, permette anche la registrazione effettiva degli spostamenti effettuati, rendendo facile e immediato il controllo del rispetto dei limiti chilometrici compreso nell’assicurazione. Un’ulteriore opportunità per abbassare in modo significativo il costo della polizza rc auto, dopo l’abbassamento dei costi grazie alle compagnie assicurative online e i comparatori come questo che permettono di ottenere una polizza auto economica attraverso il confronto di più preventivi.

Lascia una Replica

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: