Published On: Gio, Nov 14th, 2013

Costo del denaro: dallo 0,25% della Bce al 15% e oltre delle banche italiane

Share This
Tags

cappio

di MARCELLO VALENTINO – La Bce ha portato il tasso di interesse allo 0,25% e Draghi dice che presto scenderà ancora, ma a chi cazzo giova tutto questo?

Non certo agli imprenditori a cui le banche, questo tasso lo faranno vedere col binocolo. Questo grande strombazzare del tasso è solo una presa per il sedere per i piccoli e medi imprenditori a cui le banche non prestano più un centesimo, senza avere contro-garanzie. Questo tasso così basso è solo a vantaggio delle banche che pagheranno il denaro ad un prezzo iperstracciato per continuare a prestarlo, se lo presteranno, ad un tasso che – come già detto mille volte -, come minimo è del 15%. Ora la domanda da farsi è una: la Bce e Draghi lo sanno questo?

La vergogna che si consuma tutti i giorni agli sportelli bancari in Italia è proprio questa assurdità. Se mai riceverai un prestito lo dovrai pagare a carissimo prezzo e va tutto bene se, chi te lo concede, oltre a pretendere delle solide garanzie, alla fine non ti usura. Una vergogna tutta italiana, politica, istituzionale e giudiziaria. Non c’è giorno che un cittadino non si ribella contro le banche per i loro tassi assurdi, ma chi è questa organizzazione a delinquere che sta uccidendo questo Paese e con esso tutte le piccole e medie imprese procurando una morìa generale? Perché non si impone alle banche, da parte delle autorità competenti, un tasso onesto per far ripartire l’economia? Come può ripartire un’economia straziata dai tassi di interessi usurai che le banche praticano? Una follia che ci porterà alla completa paralisi.

Perché e che giustificazione ha tutto questo? Lo strangolo delle banche ha ridotto le nostre imprese ad una drastica e definitiva chiusura, con il risultato che vedete sotto i vostri occhi e la cecità dei politici, alla distruzione di milioni di posti di lavoro, dove andremo di questo passo? Quale fine ci toccherà fare? Che politica è questa? E a chi giova? E perché questo assurdo silenzio, su questa situazione reale che viene completamente ignorata?

Perché la Bce, invece di finanziare le banche assassine, non finanzia direttamente gli imprenditori? Perché gli imprenditori che sono il motore dell’economia, non posso essere finanziati direttamente dalla Banca Centrale Europea, ma devono sottostare ad un salasso del loro lavoro da parte delle banche intermediatrici? A chi giova questo assurdo passaggio di denaro dallo 0,25% al 15%? Quale economia può sopravvivere ad un tale balzello?

A cosa mira il governo dell’Unione Europea che fa succedere queste cose? (ad una guerra?) Decine e decine per non dire migliaia di persone, politici ed economisti, tutti riuniti lì al Parlamento europeo per approvare e promulgare questo obbrobrio di sistema, per ridurre economie e nazioni intere come la Grecia o l’Italia, fra poco. Con quali vantaggi se poi il gatto si dovrà per forza mordere la sua stessa coda e non solo? E con quali vantaggi se non solo distruttivi, con la morte di imprese e persone? Con la morte stessa della vita, tutto ciò solo per avidità e denaro, che alla fine finirà sotto sette spanne di terra e finalmente la giustizia terrena, l’unica vera giustizia, trionferà.

E veniamo a Parma e ai suoi politici, anche se al solo pensiero mi viene la nausea. Tutto procede lentamente, senza scossoni, come un libro già scritto e riletto centinaia di volte, non una sola sorpresa, alcun fatto nuovo, le solite cose di sempre. L’altro giorno ho ricevuto una telefonata da una signora molto agitata che, in maniera sommaria, mi chiedeva aiuto per una situazione da servizi sociali. Orbene, da quello che ho potuto capire, le hanno staccato tutte le utenze perché non è in grado di pagarle, ed essendosi recata in tutti i luoghi istituzionali e sociali, senza ricevere alcuna risposta, ha telefonato al nostro giornale per raccontarci la sua storia. L’ho invitata ad inviarci una mail per spiegarci della sua odissea, che a sentirla, così concitata, mi sembra veramente molto grave. Ma attendo sue notizie per sottoporvele, e credo che questo sia solo uno dei tanti drammi che quotidianamente i cittadini vivono nella nostra all’apparenza opulenta città, mentre del debito del comune non se ne parla più. Chissà che fine ha fatto…

Le persone indigenti aumentano sempre di più, ma i nostri politici, tutti, continuano ad occuparsi solo dei fatti loro e ad ignorare la gravissima situazione sociale che prima o poi li spazzerà via. Spero prima.

Info sull'Autore

Lascia un commento

XHTML: Puoi usare questi html tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Video Zerosette