Gay and lesbian activists form a human c

di DARIA DOLENZ – Il 7 Novembre scorso il presidente degli Stati Uniti d’America ha posato per i fotografi soddisfatto per il “sì” del Senato all’Employment Non-Discrimination Act, la legge contro la discriminazione sessuale sul lavoro. Chi sei e chi ami non potranno mai più essere motivi per licenziare un dipendente, dichiara un rassicurante Obama.

Una volta tanto sembreremmo in anticipo sugli Stati Uniti. Su questo problema l’Italia ha infatti varato una legge già dal 2008 (n. 59),che per di più sembra funzionare bene. Tuttavia, come al solito non siamo in grado di fare sistema e la situazione per i diritti e la tutela degli omosessuali in altri campi non è garantita. Un solo esempio: la legge Mancino del 1993 esclude gli omosessuali dai cosiddetti crimini d’odio, ossia quegli atti di violenza dovuti esclusivamente a discriminazione.

Insomma, il legislatore italiano dimentica di aggiornare in tutti i suoi nodi la filiera normativa che interessa la posizione di alcune categorie incluse nella legge del 2008. Risultato? Imbarazzanti vuoti legislativi che ci mettono in difetto con i trattati che tutelano i diritti degli omosessuali che abbiamo ratificato con l’Onu e l’Unione Europea. Poiché non abbiamo rispettato questi trattati la Corte di Strasburgo nel 2012 ha condannato l’Italia a pagare ben 120 milioni di euro in sanzioni e indennizzi agli omosessuali che per tutelare i propri diritti si sono rivolti alla Corte Europea.

Sembrerebbe che il nostro governo non trovi il tempo per fare una spending review sul proprio operato proprio mentre aumenta l’IVA e il carico fiscale su cittadini e imprese è diventato ormai insopportabile. Iniziamo a risparmiare questi 120 milioni di euro adeguandoci alla normativa europea. Non è poi così difficile. Occorre un intervento come quello del 2008 sia per non pagare più sanzioni che per uscire dalla contraddizione tutta levantina di firmare trattati progressisti a livello internazionale e poi voltarci dall’altra parte a livello nazionale.

Lascia una Replica

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: