DV1575360

Shuei Nakamoto non ha mai nascosto il suo grande apprezzamento per Jorge Lorenzo. Del resto, quando Casey Stoner aveva annunciato il suo ritiro lo scorso anno a Le Mans, le attenzioni della HRC si erano subito posate sul maiorchino, che però aveva deciso di continuare a dare fiducia alla Yamaha, forte del suo secondo titolo iridato in MotoGp (il quarto in assoluto).
E’ vero che nel frattempo la Honda si è ritrovata in casa un asso come Marc Marquez, che è stato capace di vincere il titolo nella classe regina al primo tentativo, diventando il più giovane a riuscire in questa impresa, ma il sogno di Nakamoto sarebbe quello di formare un vero e proprio “dream team” nel 2015, affiancandogli Lorenzo quando saranno in scadenza sia il contratto di Jorge con la Casa di Iwata che quello di Dani Pedrosa con la HRC.
La cosa interessante però è che ora un segno di apertura in questo senso è arrivato anche dal diretto interessato, che durante la stagione appena conclusa ha sottolineato più volte l’inferiorità tecnica della M1 rispetto alla RC213V. A Madrid, in occasione della presentazione del videogioco “Call of Duty Ghosts”, infatti, Lorenzo ha detto: “Io alla Honda nel 2015? Tutto può succedere”.

Lascia una Replica

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: