Published On: Sab, Nov 9th, 2013

“Scusi presidente, dovrei andare in bagno”. Seduta assurda alla Camera

Share This
Tags

L_onorevole Gigli (Scelta Civica) deve andare al bagno - YouTube

Mercoledì scorso a Montecitorio si è tenuta una interminabile seduta di due ore in cui si è dibattuto di una tematica importantissima per il Paese: il ristorante della camera dei Deputati. Un tripudio di interventi al limite della realtà, in cui si è spaziato dalla qualità dei cibi. Di Maio (5 stelle) ha fatto “mea culpa” perchè da quando i grillini sono in Parlamento la mensa è congestionata, mentre Bianconi (Pdl) ha parlato addirittura di “avvelenatoio”. Giachetti (Pd), in sciopero della fame da 31 giorni ha invece commentato: “Io potrei avere un conflitto di interessi al contrario e anche se chiudessero la mensa e il ristorante, questo non mi creerebbe alcun problema…”

Tra i grandi discorsi, degni da statisti alla Kissinger, è stata poi la volta dell’onorevole di Scelta Civica Gian Luigi Gigli, stremato dal fluire di succhi gastrici, ha chiesto al Presidente Boldrini di poter andare al bagno.

Signor Presidente, volevo sottolineare che esiste in fisiologia un riflesso che è chiamato pavloviano, per il quale al ripetersi di alcuni tipi di stimoli i succhi gastrici si mettono in moto e attraverso, appunto, il ripetersi di questi stimoli condizionanti generano una condizione di bisogno impellente. Chiedo pertanto alla Presidenza se non intenda valutare un’interruzione, per poter assolvere, appunto, a questi bisogni fisiologici, non solo di carattere alimentare, per essere chiari, il ristorante, ma anche di altro genere

La realtà è tutta in questo video:

Info sull'Autore

Lascia un commento

XHTML: Puoi usare questi html tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Video Zerosette