1446_648661435173667_1607152682_n

Il banchetto della Lega Nord non sarà più in piazza Garibaldi, ma verrà “confinato” nella vicina via Mazzini, assieme ai banchetti di altri partiti e associazioni. A deciderlo è stato il Comune di Parma, revocando l’autorizzazione per il gazebo del Carroccio che da qualche tempo, ogni sabato, campeggiava nella piazza principale della città.

I dirigenti della Lega (Rainieri, Campari e Zorandi) hanno subito espresso il proprio disappunto in una nota intitolata “Menzogne a 5 Stelle” in cui si legge:

La libertà, la giustizia e la democrazia a Parma, dopo l’avvento dell’Amministrazione Pizzarotti, sono ormai solo un ricordo. Profonda rabbia e tristezza sono gli stati d’animo che ci hanno pervaso nell’apprendere che il Comune di Parma ha proditoriamente e unilateralmente deciso di revocarci la concessione per i gazebo in piazza Garibaldi già’ autorizzati per tutti i sabati fino al 21 Dicembre, obbligandoci alla zona più defilata di via Mazzini.
Con quale scusa? Che il gazebo determina “[…] un’oggettiva turbativa alla libera circolazione dei pedoni, inoltre la stessa e’ tale da interferire negativamente con le manifestazioni in programma sull’area della piazza nei mesi di novembre e dicembre 2013”.
Così Pizzarotti ha finalmente scoperto le proprie carte e si è dimostrato quello che pensavamo fosse: l’amico dei centri sociali, della sinistra estrema, degli arroganti e dei violenti.
A questo punto quale messaggio giungerà alla cittadinanza? Che chi è più violento vince? Che se si minacciano tumulti si viene assecondati malgrado si sia nel torto? Che se non condividi il “Pizzapensiero” devi essere emarginato? Che se dici la verità, la scomoda verità, devi essere punito? Scegliete voi quale, tanto sono corretti tutti. […]La Lega Nord Parma continuerà a raccontare le malefatte di questa Amministrazione amica dei “sinistremisti”, degli abusivi e dei clandestini, incapace di garantire un minimo di sicurezza ai cittadini, sottomessa alle logiche dei potenti dei rifiuti e in grado solo di favorire il degrado e l’impoverimento economico, sociale e culturale della città, in particolare del centro storico. Diceva Friedrich Ruckert: “Chi mente una volta, spesso deve abituarsi alla menzogna; perché ci vogliono sette menzogne per occultarne una”.

La replica del Comune non si è fatta attendere. Nel giro di qualche ora, il Sindaco e l’assessore al Commercio Cristiano Casa hanno replicato al vivace comunicato della Lega:

In occasione dell’arrivo del periodo natalizio, al fine di consentire la piena fruibilità di Piazza Garibaldi da parte dei pedoni e dei turisti, è stato deciso in comune accordo dal Sindaco Pizzarotti e dall’Assessore al Commercio Casa di mantenere la Piazza libera dai gazebo che non abbiano connessioni con le festività del Natale, quali appunto quelli legati ad attività di propaganda politica. “Nessuna vessazione ne’ restringimenti di libertà – ha affermato l’assessore -, dal momento che le bancarelle di natura politica possono liberamente sostare negli spazi sotto i portici di via Mazzini, ad appena dieci metri di distanza. Piazza Garibaldi sarà il punto centrale degli eventi di Natale”.

“Al pari di tutti gli altri partiti la Lega è libera di fare i banchetti dieci metri più in là, come chiunque. Non ci vedo ne’ motivo di polemica, ne’ di vittimismo – conclude il Sindaco – A dicembre Piazza Garibaldi è del Natale e dei parmigiani, e anziché farneticare Rainieri dovrebbe semplicemente applicare il buon senso”.

Lascia una Replica

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: