Published On: Ven, Dic 13th, 2013

Blitz antimafia in provincia di Trapani, trenta arresti tra cui la sorella del boss Matteo Messina Denaro

arresto-carabinieri-5062240a9305e

di ANDREA PAPA – “Siamo sempre più vicini a Matteo Messina Denaro” – con queste parole il procuratore aggiunto di Palermo Teresa Principato si espressa dopo l’imponente blitz operato dalle forze di polizia, carabinieri, guardia di finanza e Dia questa mattina a Castelvetrano in provincia di Trapani.

I provvedimenti d’arresto riguardano numerosi esponenti di spicco del clan del Boss di Cosa Nostra Matteo Messina Denaro, latitante dal 1993.

Con l’accusa di associazione a stampo mafioso, scambio elettorale politico-mafioso, intestazione fittizia di beni ed estorsione, sono finiti in manette (in un’operazione a tutto tondo che si è sparsa a macchia d’olio da Trapani fino a Milano) anche alcuni familiari del super latitante, tra cui la sorella Patrizia Messina Denaro, il nipote Francesco Guttadauro, e i cugini Giovanni Filardo, Lorenzo Cimarosa e Mario Messina Denaro.

Trenta sono le ordinanze di arresto quindi, tra cui spiccano anche numerosi “insospettabili”, come due ingegneri del Provveditorato regionale dell’amministrazione penitenziaria di Palermo, Giuseppe Marino e Salvatore Torcivia, e Antonella Montagnini, vigilessa in servizio al comune di Paderno Dugnano, nel milanese.

Il provvedimento di arresto, firmato dal gip Maria Pino, ha disposto anche il sequestro di tre società, che hanno un valore effettivo di oltre cinque milioni di euro.

Info sull'Autore

Lascia un commento

XHTML: Puoi usare questi html tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Video Zerosette