Strage di Prato

Dopo la tragedia della fabbrica di Prato, la Procura ha iniziato a muoversi e sono scattate le prime manette.

​La Guardia di Finanza ha arrestato 11 persone considerati appartenenti a una presunta associazione a delinquere composta da italiani e cinesi che a Prato favoriva il rilascio di falsi certificati di residenza ad immigrati di origine cinese. In manette è finito anche un impiegato dell’anagrafe. I reati contestati agli arrestati vanno dalla corruzione alla falsità ideologica e all’associazione a delinquere finalizzata al rilascio di certificazioni di residenza per cinesi che non ne avevano i requisiti. In particolare, dietro tangenti, il funzionario pubblico avrebbe convogliato ed evaso le richieste di iscrizioni all’anagrafe da parte di cinesi che non ne avevano i requisiti fattegli pervenire dagli intermediari.

Lascia una Replica

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: