Published On: Ven, Gen 31st, 2014

Ucraina: militari incalzano Yanukovich, torturato leader dissidente

victor yanukovich
Le forze armate ucraine hanno chiesto al presidente Viktor Yanukovich di adottare “misure urgenti” per “ripristinare la stabilita’” e “arrivare a un accordo in seno alla societa’”. L’intervento dei vertici militari, affidato a un comunicato del ministero della Difesa, segna una nuova escalation nella crisi provocata dalle manifestazioni filo-europeiste, anche perche’ finora l’esercito aveva mantenuto una posizione defilata, lasciando alla polizia il compito di reprimere le proteste di massa. L’invocazione di misure d’emergenza, sia pure “nel quadro delle normative vigenti”, sembra infatti preludere a un ulteriore giro di vite.
Nella nota si denunciano come “inammissibili” tanto “l’occupazione delle istituzioni statali” da parte dei manifestanti quanto “gli impedimenti posti allo svolgimento delle rispettive funzioni dei rappresentanti del governo centrale e di quelli locali”, e si avverte che “un ulteriore aggravamento del conflitto costituisce una minaccia per la stessa integrita’ territoriale del Paese”. Intanto Yanukovich, che si e’ appena messo in congedo a tempo indeterminato per motivi di salute, ha firmato la legge approvata mercoledi’ che prevede l’amnistia per i manifestanti che non si siano macchiati di reati gravi in cambio dello sgombero degli edifici pubblici occupati. Il regime di Kiev si sente ormai messo alle strette dalla piazza e dal crescente isolamento internazionale, ad esclusione dell’alleato russo. Il Dipartimento di Stato Usa ha annunciato gli incontri che il segretario John Kerry avra’ domani con alcuni esponenti di primo piano dell’opposizione a Monaco di Baviera. Kerry ha esortato il presidente ucraino a fare di piu’ sul versante delle riforme, giudicate ancora “insufficienti”. Nella repubblica ex sovietica, intanto, e’ riapparso Dmytro Bulatov, leader del movimento dissidente ‘Avtomaidan’, che ha denunciato di esser stato sequestrato e torturato. L’attivista, con il volto tumefatto e i vestiti insanguinati, ha mostrato profonde ferite al dorso delle mani che gli sarebbero state causate da una “crocifissione”. I sequestratori gli hanno inoltre mozzato un orecchio e sfregiato il viso. L’episodio ha suscitato l’indignazione dell’alta rappresentante della politica estera dell’Ue, Catherine Ashton, reduce dalla seconda missione a Kiev in meno di due mesi, che si e’ detta “inorridita”. (AGI) .

Fonte: AGI

Info sull'Autore

Lascia un commento

XHTML: Puoi usare questi html tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Video Zerosette