Published On: Mer, Gen 22nd, 2014

Cosa c’è da augurarsi?

Renzi

di MARCELLO VALENTINO – C’è da augurarsi che i giudici del tribunale di Parma facciano vera giustizia sul caso Rigamonti, come hanno fatto i giudici americani.
A volte i sogni si avverano, anche se qui a Parma, sognare la giustizia, è impossibile. C’è da augurarsi che il sindaco di Parma e la sua Giunta trovino un accordo con le banche per il debito pubblico cittadino in modo da far risparmiare ai Parmigiani almeno la metà del debito attuale: sogno irrealizzabile, vista la totale non volontà di farlo.
C’è da augurarsi che l’inceneritore scoppi, così si mette fine a questo scempio e ci salviamo tutti, merendine, Parmigiano e prosciutti compresi, con buona pace di tutti quelli che lo hanno voluto, che trasferirei in blocco nei pressi di questo mostro, e amen.
C’è da augurarsi che la gente si desti e che faccia quello che tutti si augurano ma che nessuno fa, per spazzare via questa classe politica. C’è da augurarsi che tutti gli italiani chiudano tutti i conti correnti che hanno in banca, e comincino ad usare soldi veri per fare il loro lavoro, senza più intermediari.
C’è da augurarsi che lo stato faccia una Banca d’Italia indipendente, che stampi moneta e azzeri d’emblée il debito pubblico. Una cosa che il governo può fare ma non vuole fare, per perseguire i suoi sporchi interessi a danno di tutti gli italiani.
C’è da augurarsi che gli Italiani finalmente capiscano tutto ciò e facciano piazza pulita di questa classe politica e di questo potere delle banche e dei banchieri come hanno fatto in Islanda.
C’è da augurarsi che il Padre Eterno dia un segnale a tutti, Francesco compreso, così che la vita abbia veramente un senso: campa cavallo che la speranza è l’ultima a morire e l’erba cattiva continuerà sempre a crescere. C’è da augurarsi che prima o poi, meglio prima, qualcosa si avveri e si passi al diserbante.
Intanto la gente continua a uccidere e a suicidarsi, è solo un caso, ma può succedere anche a te o a me.

La grande truffa

Protagonisti: Renzi, Berlusconi. Questo giornale e i suoi lettori mi sono testimoni sulle mie previsioni, già avveratisi, sul governo Monti e sui precedenti governi, sia di Prodi che di Berlusconi.
Sono quasi settant’anni che veniamo presi per i fondelli e nonostante i risultati, gli Italiani, ma solo una parte, vanno alle urne per eleggere dei governi che alla fine truffano tutti, tranne loro stessi.
Come è possibile che gli Italiani continuino a sottoporsi a questo gioco al massacro? Dove i ricchi diventano sempre più ricchi, i poveri sempre più poveri e i politici sempre più ladri, e noi che restiamo alla finestra a guardare l’ennesima buffonata Renzi-Berlusconi, come se fossimo a teatro ad assistere ad una brutta rappresentazione, questo nuovo è già vecchio e Renzi e Berlusconi sono solo divisi dallo stesso obiettivo, con lo stesso grande senso di megalomania personale, chi lo ha già avuto lo vuole riavere, chi non lo ha mai avuto lo vuole.
L’obiettivo è solo uno (il potere). L’unica cosa che li unisce li divide e interessa, il resto è solo fuffa, “perché io sono io e voi”…
L’augurio è che gli Italiani pronti facciano la rivoluzione e non si limitino sempre e solo a lamentarsi.

Info sull'Autore

Lascia un commento

XHTML: Puoi usare questi html tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Video Zerosette