Published On: Lun, Feb 3rd, 2014

AltaRoma: Venturini Fendi, “Un successo la 24esima edizione”

alta-roma-moda-roma

E’ tempo di bilanci per AltaRoma AltaModa 2014 che ha chiuso i battenti lunedì 27 gennaio. I dati sono positivi e confermano che il patrimonio culturale di Roma, delle maison storiche e del cuore artigianale, rappresenta davvero quel ponte tra passato e futuro, creato per sostenere tutti i creativi a trovare una loro strada. Centrato l’obiettivo di far dialogare la multidisciplinarieta’ creativa, che si e’ concretizzato attraverso la sperimentazione, la costruzione di nuovi contenitori, di modi alternativi di fare e portare business in una citta’ tutta tesa a sostenere il settore moda, il suo futuro e l’economia del paese.
Roma si e’ offerta come ispirazione e palcoscenico ad un gruppo sempre piu’ folto di designer in cerca di visibilita’, concretezza e sostegno. La risposta non ha tardato ad arrivare attraverso il coinvolgimento di un sempre piu’ nutrito e qualificato numero di addetti ai lavori, stampa, buyer che hanno partecipato con curiosita’ ai tanti eventi, anche collaterali, del calendario appena concluso. Molte le nuove location aperte alla moda, e al pubblico, che hanno destato stupore e hanno fatto da sfondo a nuovi linguaggi comunicativi per rendere Roma, ancora una volta, protagonista attraverso l’alta moda, l’arte, l’artigianato e i giovani talenti.
E proprio grazie ai linguaggi piu’ moderni e contemporanei la citta’, i professionisti, gli ospiti e gli aficionados hanno virtualmente fatto il giro del mondo attraverso le immagini messe in rete da blogger, stampa, talent scout, film makers mai visti a Roma prima di ora. Social network, instagram, pinterest e anche youtube sono stati ulteriori mezzi per esportare l’immenso bacino e vivaio creativo che trova una sua identita’ a Roma. In questa edizione si sono visti: 22 sfilate e presentazioni moda, 7 tra film e web festival, progetti moda e fashion magazine.
E ancora 4 eventi formazione, 3 presentazioni di libri, uno store opening, 42 tra stilisti e designer, 3 Location mai aperte alla moda, 8 tra Gallerie d’arte e palazzi. Circa 15.000 i partecipanti alle sfilate in S. Spirito in Sassia e 563 richieste di accredito da parte degli operatori media suddivisi tra stampa, TV, Fotografi, Media on line e Blogger.
Insieme a ICE (Istituto per il commercio estero) Altaroma ha accolto alla manifestazione ospiti provenienti da gran parte del mondo. 29 i paesi rappresentati: Arabia Saudita, Azerbaijan, Brasile, Canada, Cina, Danimarca, Egitto, Emirati Arabi, Francia, Germania, Giappone, Grecia, India, Kazakistan, Libano, Lituania, Malesia, Marocco, Messico, Paesi Bassi, Polonia, Russia, Serbia, Spagna, Svezia, Svizzera, Turchia, UK, USA.
Con un incremento, in questa edizione, di 5 nuove nazioni.
Altaroma e’ ormai considerata un’innovativa piattaforma nazionale ed internazionale di promozione della creativita’ a tutto tondo, dove le diverse identita’ del territorio convivono diventando piu’ attraenti verso interlocutori che fino ad oggi avevano considerato Roma fuori dal mainstream della creativita’. “Sono molto soddisfatta dei contenuti della manifestazione che si conclude oggi – ha dichiarato Silvia Venturini Fendi, presidente di AltaRoma – . Contenuti sempre piu’ alti e piu’ numerosi, come anche le presenze di addetti ai lavori che, grazie alla concentrazione in 4 giorni, hanno potuto seguire piu’ comodamente tutti gli eventi in programma.

Il Made in Italy e’ fatto di contenuti – ha aggiunto Venturini Fendi – e solo a questi vale la pena dedicare le nostre parole e i nostri commenti conclusivi”. “In questi 4 anni di mandato abbiamo toccato, attraverso la moda, tutti gli aspetti dell’ “impresa creativa” – ha proseguito Venturini Fendi -. Abbiamo coinvolto maison storiche, giovani designer, studenti, artigiani, registi, fotografi, che sono diventati, attraverso i nostri progetti, protagonisti di una comunita’ di creativi radicata o molto coerente con la tradizione e le vocazioni del nostro territorio.
Un programma che, mutuando le parole di buyer e stampa di settore che hanno partecipato alla manifestazione, viene considerato tanto raro e prezioso, quanto meritevole di essere sostenuto con piu’ forza. Altaroma puo’ anche occuparsi di specifiche vicende legate a singoli – ha detto ancora Venturini Fendi – ma cio’ diventa difficile quando queste esulano dalla propria autorita’ e competenza. Il vero compito di Altaroma e’ quello di elaborare con professionalita’ un’offerta di servizi, di organizzazione, di comunicazione, di progetti, di relazioni con l’intera comunita’ che ad Altaroma si rivolge.
La stessa che si aspetta di essere scoperta, sostenuta e valorizzata grazie ai propri meriti e attraverso contenuti, strumenti e linguaggi decifrabili ed apprezzabili da quegli interlocutori di settore, utili a creare occasioni di crescita alle nostre imprese. Questo Altaroma sta facendo – ha concluso – e dovra’ continuare a fare, per garantire realmente un futuro di sviluppo alla moda nel nostro territorio.”

Fonte – AGI

Info sull'Autore

Lascia un commento

XHTML: Puoi usare questi html tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Video Zerosette