Published On: Ven, Feb 7th, 2014

Emilia Romagna pattumiera d’Italia? Nuovo piano regionale 2014

inceneritore presentato piano 2014

Folli: “Il Pd rassicura che non sarà così, ma il Piano Regionale di Errani sta andando proprio in questa direzione”

Le proposte di Parma e degli altri comuni emiliani:Parma, 6 febbraio 2014 – Di seguito l’intervento dell’Assessore all’Ambiente Gabriele Folli in merito alle ultime dichiarazioni uscite a mezzo stampa sul nuovo Piano Regionale dei Rifiuti.

“Sui rifiuti e sulla responsabilità territoriale abbiamo letto in questi giorni la soddisfazione del sen. Pagliari e le rassicurazioni del sottosegretario Bertelli relativamente al rischio che la regione Emilia-Romagna si trasformi in pattumiera d’Italia.

In questi mesi stiamo sostenendo nuove e concrete proposte assieme ai sindaci dell’Emilia-Romagna, alternative ad un piano voluto dalla Regione che, alla riduzione della produzione dei rifiuti, non fa corrispondere una conseguente dismissione degli otto impianti presenti in regione.

Cosa bruceranno questi impianti e perché dovremmo garantirne il funzionamento? A noi, istituzioni emiliane, è assolutamente sconosciuto il motivo.E c’è di più: le recenti rassicurazioni fornite dal Sottosegretario non trovano in alcun modo riscontro nei documenti del piano regionale e nei dispositivi del governo.

Facciamo alcuni esempi:all’art. 19 del collegato ambiente si parla di “determinare la rete nazionale integrata ed adeguata di impianti di incenerimento rifiuti”. Questa dicitura fa chiaramente riferimento ad un progetto che mira a redistribuire i flussi sulla base degli impianti già esistenti, e cozza con le rassicurazioni dateci dallo stesso Ministro Orlando il 27 gennaio scorso. Ci auguriamo quindi che ci sia presto una modifica di legge, altrimenti restano solo dichiarazioni e buoni propositi.

L’incremento dei rifiuti nel 2019
Altro inghippo: al capitolo 9 del piano regionale è pubblicata una tabella che, pur prevedendo una riduzione dei rifiuti urbani, mostra come nel 2019 vi sarà addirittura un incremento delle quantità di rifiuti urbani inceneriti rispetto al 2013. Ma se è prevista una decrescita generale della produzione rifiuti, il Pd, da dove pensa che possa derivare l’incremento dei rifiuti inceneriti, se non da fuori regione?

Il Sen. Pagliari si ritiene soddisfatto delle rassicurazione del Ministro Orlando sulla barriera regionale? Dimentica che il suo partito ha sempre sostenuto l’inceneritore di Ugozzolo, rassicurando fino all’altro ieri che mai sarebbe entrata spazzatura da fuori provincia.

Foglio di VIA aggirabile
Anche qui, andando a leggere le carte del PRGR si capisce come la famosa prescrizione numero 7 della VIA approvata con la delibera provinciale 938/2008, in cui si ribadisce che “al PAIP potranno essere conferiti rifiuti prodotti esclusivamente nel territorio provinciale di Parma”, sia di fatto aggirabile, nel silenzio di tutti, con un passaggio delle Norme Tecniche di Attuazione del Piano dove si stabilisce che gli Enti dovranno provvedere “tempestivamente all’adeguamento delle previsioni degli strumenti di pianificazione” e che “decorsi 180 giorni dall’approvazione del Piano senza che gli Enti pubblici abbiano perfezionato gli adempimenti necessari le disposizioni incompatibili cessano di avere efficacia” (Art. 6 Comma 2 delle NTA).

Comunicato stampa.

Info sull'Autore

Lascia un commento

XHTML: Puoi usare questi html tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Video Zerosette