Published On: Mer, Feb 5th, 2014

Faccia di tola

Berlusconi

di MARCELLO VALENTINO – La scorsa settimana in tv, una faccia di tola si è presentata agli italiani con un fare tra il viscido e il supplichevole, spacciandosi ancora una volta per colui che ha salvato l’Italia dalla catastrofe, dall’orrenda fine a cui era destinata. Il modo garbato, i movimenti studiati, il discorso scritto e riscritto per farlo apparire perfetto in tutte le sue sfumature, pacato, accorato, acceso, cupo, ma speranzoso, tutto perfetto, compreso il raccontino della famiglia e, per finire, di mamma.
Insomma, un perfetto, impeccabile, dall’epilogo emotivo e patriottico, veramente toccante. Peccato che mancava totalmente il contorno di signorine e tutto il resto, che evito di nominarvi perché ormai credo che tutti conoscete.
Vi faccio una raccomandazione: ricordatevi che costui è padrone di un bel pezzo d’Italia ed ha un grado di megalomania e di onnipotenza unico al mondo, oltre che una facilità alla menzogna senza pari. E comunque, pensate di costui solo una cosa: è un politico. Adesso pensate a questo: quale politico ha mai fatto qualcosa per voi? Cari lettori, siamo proprio messi male, ma l’opportunità di avere almeno una volta tanto il coltello dalla parte del manico l’abbiamo noi. Abbiamo noi con la possibilità di disubbidire in maniera civile e dimostrare così la nostra volontà a non pagare sempre di tasca nostra. Voi vi chiederete come si fa. Si fa in un modo molto semplice, non si va a votare. Si manifesta, una manifestazione pacifica, sciopero del voto. Lo so, molti di voi non sono d’accordo. Con il voto si eleggono dei candidati che ci rappresentano e quindi qualcuno per noi porterà avanti le nostre idee, e ditemi: quali idee sono state portate avanti fino adesso dai politici che abbiamo eletto? Cazzo, che memoria corta che avete. Comunque non voglio essere io a ricordarvi queste cose, ma pensateci almeno. Or dunque, visto che non possiamo sparire del tutto, visto che quello che ci aspetta non ci spaventa per niente, non vi resta, se non volete fare diversamente, che andare a votare, un’altra volta. Però l’alternativa c’è e ve la vorrei prospettare. Ammesso che nessuno più vada a votare, cosa credete che succeda? Nulla. Rifaranno le elezioni, un po’ come se nessuno di noi non pagasse più le tasse, provate ad immaginare: vi arriverà a casa la tassa da pagare con la multa più gli interessi e la possibilità di dilazionarla nel tempo, voi non pagate neanche questa volta e loro ve la rimanderanno ancora con la possibilità di pagarla, come è successo ultimamente, senza sanzione aggiuntiva, senza interessi, basta che la paghiate entro un tot.
Ecco, voi ancora una volta non la pagate, cosa succede dopo? Non lo so, ma posso ipotizzare questo: se nessuno la paga, cosa potrà mai fare il Governo? Venire a casa vostra? E in tutte le case? A sequestravi che cosa? A quelli che avranno qualcosa da perdere, prenderanno su il televisore o la radio? No, quelle no, perché poi non sanno più come informarvi che dovete pagare. No, cari signori, non succederà un bel niente, perché non sarebbero in grado di fare nulla, perché chi decide di non pagare di certo non se ne starà con le mani in mano a farsi portare via quello che ha messo insieme con enormi sacrifici. E allora, credete che insisteranno?
Questo è uno stato imbroglione, pieno di imbroglioni, che vuole solo prendere a noi per dividersi poi tra di loro il malloppo e voi andate ancora a votare per questa gente? Dove vivete? Quanti di questi imbroglioni avete conosciuto direttamente e come vivono costoro? Meglio o peggio di voi? Solo questo dovrebbe farvi riflettere un po’, per il resto fate come volete, ma fate. Il sogno degli onesti: avere degli impiegati che gestiscono la cosa pubblica nell’interesse del popolo e della nazione, perché tutto funzioni al meglio. Un’altra Italia con degli altri italiani (solo un sogno).

Fantapolitica?
Berlusconi dà i soldi a Renzi per dare la scalata al Pd, Alfano, geloso, ma già d’accordo con Berlusconi, fa lo scissionista per conquistare i voti del centrodestra in Italia. Fra sei mesi ci sarà un solo partito politico, chi ne è l’artefice? Berlusconi: o, per meglio dire, i suoi soldi. Fantapolitica?

Info sull'Autore

Lascia un commento

XHTML: Puoi usare questi html tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Video Zerosette