Published On: Ven, Feb 28th, 2014

Il vicesindaco Nicoletta Paci all’incontro di “Parma per gli Altri” con la città

Parma per gli altri

Un appuntamento per tutta la comunità cittadina, sabato 1° marzo alle ore 11, all’Auditorium della Casa della Musica (piazzale San Francesco). Dalla “Rete dei mieli” al nuovo progetto agroalimentare, ultimo nato grazie all’assegnazione del bando di gara che ha permesso all’associazione di accedere ai Fondi della Regione Emilia Romagna: quello di sabato sarà un importante appuntamento rivolto a tutta la comunità cittadina per conoscere e approfondire lo stato di avanzamento dei progetti che la ONG Parma per gli Altri sta sviluppando in Etiopia. Progetti realizzati con impegno e volontà da donne e uomini di Parma, volontari che da anni mantengono viva la relazione fra la nostra comunità e quella di Shelallà ed altre aree dell’Etiopia. Istruzione, sanità e micro imprenditoria, sono solo alcuni degli aspetti concreti dei progetti di Parma per gli Altri finalizzati allo sviluppo delle civiltà del Corno d’Africa.

Durante l’incontro interverranno:
Nicoletta Paci, Vicesindaco del Comune di Parma, partner del progetto Agroalimentare, Pier Luigi Bontempi, Presidente di Parma per Gli Altri, Paola Salvini, Vice Presidente dell’associazione e tanti altri volontari, alcuni dei quali appena rientrati dall’ultima missione in Africa. Il tutto sarà moderato da Natalia Borri.
I nuovi percorsi di solidarietà per lo sviluppo dell’Etiopia e l’incontro di sabato sono realizzati in collaborazione con: Regione Emilia Romagna, Comune di Parma, Modena per Gli Altri, CONAPI, CIPS, Slow Food, Vicariato di Hosanna ( Etiopia), “Il bisogno degli Altri Ora, ma a piccoli passi”.

La ONG.
Parma per gli Altri è un’associazione nata nel 1989 per volontà di Don Arnaldo Baga. Riconosciuta Organizzazione non Governativa dal Ministero degli Affari Estero nel 2010  (unica ONG  a Parma),  si sostiene grazie a finanziamenti pubblici e donazioni private. Fin dai primi anni di vita, e grazie a una solida e attiva rete di contatti, ha operato con la logica dei “piccoli passi” per promuovere, attraverso interventi di cooperazione decentrata, lo sviluppo di aree isolate, partendo da necessità reali a cui tecnici e operatori provenienti da Parma insieme ai tecnici e alla popolazione locale trovano risposte concrete condividendo la loro professionalità e know how. Attiva principalmente in Eritrea ed Etiopia, nel territorio di Gombora e nel villaggio di Shelallà, l’associazione opera anche a Parma con interventi orientati all’accoglienza e all’integrazione  dei migranti da poco arrivati nel nostro Paese. Un’attività così importante e capillare è possibile anche grazie alla collaborazione con le istituzioni locali, Comune, Provincia, Camera di Commercio, Fondazione Cariparma e con importanti realtà quali  il Centro Universitario per la Cooperazione Internazionale e altre associazioni del territorio.

Info sull'Autore

Lascia un commento

XHTML: Puoi usare questi html tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Video Zerosette