img1024-700_dettaglio2_stupro-India
Una bambina di 9 anni e’ in fin di vita dopo essere rimasta vittima dell’ennesimo caso di stupro in India. La piccola stava giocando in strada insieme a due amichette a Bara Hindu Rao, quartiere nella parte nord di New Delhi, quando sono state avvicinate da uno sconosciuto, che ha proposto di seguirlo perche’ aveva da mostrare loro “qualcosa di unico”, hanno riferito fonti di polizia all’Hindustan Times.
Le altre bimbe hanno rifiutato, ma la malcapitata ha accettato.
L’uomo, identificato come il 25enne Gopi Nisha Malha, l’ha condotta in un luogo appartato dove l’ha legata e imbavagliata per poi stuprarla ripetutamente e sottoporla a sevizie.
Le invocazioni di aiuto hanno allarmato le due amiche, che hanno avvertito la madre. La donna ha presentato denuncia in commissariato, quindi si e’ messa a girare per la zona finche’ non ha avvistato l’aggressore, che e’ fuggito ma e’ stato piu’ tardi rintracciato e arrestato. La bambina, soccorsa in lacrime, nel frattempo era stata ricoverata in terapia intensiva e sottoposta a un delicato intervento chirurgico. Se riuscira’ a sopravvivere alle gravissime lesioni subite, dovra’ essere comunque rioperata.
Sempre nella capitale e’ appena stato condannato a dieci anni di carcere un ventenne, Mohammed Moim, che aveva rapito e violentato sadicamente una bimba di appena 3 anni. Il tutto mentre in India e’ da poco trascorso il primo anniversario della clamorosa vicenda di stupro che traumatizzo’ l’opinione pubblica mondiale: quella relativa alla studentessa 23enne aggredita a New Delhi da un gruppo di balordi, che ne abusarono e la torturarono a lungo, e infine la gettarono giu’ da un autobus. La giovane mori’ in ospedale a Singapore per le tremende ferite riportate, dopo quasi due settimane di agonia.

Fonte – AGI

Lascia una Replica

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: