Pussy riot sochi

Ennesimo attacco alle componenti del gruppo punk rock russo Pussy Riot. La band, da tempo impegnata in azioni dimostrative contro il sistema politico russo incentrato sulla figura del presidente Vladimir Putin, si trovava questa volta a Sochi, sede delle olimpiadi invernali. Si apprestavano a girare il videoclip della nuova canzone “Putin vi insegnerà ad amare la patria”, avente come sfondo il porto della città balneare, quando sono state attaccate da una squadra di cosacchi. I militari, responsabili della sicurezza olimpica, hanno picchiato le ragazze con fruste, manganelli e spray al peperoncino. Tra i colpiti anche il marito di una di queste, e i fotografi che si trovavano nelle vicinanze. Dopo l’attacco sono state lasciate libere di andare.

Lascia una Replica

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: