Published On: Gio, Apr 24th, 2014

Gli scellerati della politica

Share This
Tags

renzi

di MARCELLO VALENTINO – Scellerato Ronzino che vuole fare le riforme con Berlusca, pensate in Italia, per fare le riforme, cioè delle nuove leggi, si devono mettere d’accordo Ronzino, il fiorentino rottamatore del Pd e Berlusca, capo di Forza Italia ecc ecc. condannato varie volte e attualmente affidato in farsa ai servizi sociali per quattro ore alla settimana; roba dell’altro mondo.
E gli Italiani dovrebbero osservare le leggi fatte con il permesso di un condannato? Se non è scelleratezza questa, ditemi voi quale è. Scellerato il comportamento di Grillo e Casaleggio, o meglio: di Casaleggio e Grillo, che essendosi prescelti come giudici supremi, menano fendenti a destra e a manca tra gli eletti del loro movimento. Chissà, quando li hanno scelti, dov’erano. Ma adesso è scelleratezza assoluta cacciarli via, sono forse alla ricerca della razza Ariana? E se anche fosse? Non è in Italia che la devono cercare. Scelleratezza senza limiti è quella del popolo italiano che per l’ennesima volta va alle urne a votare per questa gente. Un popolo esaurito dalle vessazioni, dagli imbrogli, dalle leggi truffa, un popolo agonizzante, in attesa del botto che nessuno potrà evitare. Né Ronzino con le sue riforme farlocche, né Berulsca con le sue mosse e contromosse da generale moribondo, né Grillo, né Casaleggio con i loro pensieri visionari e inconcludenti. Questa è la quintessenza della scelleratezza, ma ancora più scellerato sarà questo popolo, che per l’ennesima volta non capirà che il boccino è nelle sue mani, e se lo saprà giocare, potrà cambiare il proprio destino. Diserzioni di massa da questa politica scellerata, diserzione di massa da questi politici scellerati, diserzione di massa a pagare qualsiasi tassa, per far finire questo sistema obbrobrioso, diserzione di massa dalle banche, che con i nostri soldi fanno i padroni di noi stessi. Tutto deve cambiare, perché questo non è più un sistema vivibile, perché la scelleratezza ha preso il sopravvento, sta a noi spezzarla, sta a noi spazzarla via. Le visioni sono altre: si chiamano etica, giustizia, uguaglianza, libertà, cose che in questa Italia non esistono.
L’etica è una parola incompresa. La giustizia è una parola ingannata. L’uguaglianza una parola abusata. La libertà è una parola inesistente.
Volete vivere in un paese così? O… volete vivere.

Info sull'Autore

Lascia un commento

XHTML: Puoi usare questi html tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Video Zerosette