Published On: Gio, Giu 12th, 2014

Provincia: i Sindaci chiedono a Bernazzoli di restare

momento web

Resterà in Provincia per accompagnare la fase di transizione. E’ questa la decisione presa da Vincenzo Bernazzoli al termine dell’incontro di questa mattina con i sindaci dai quali è venuta una richiesta pressoché unanime al presidente della Provincia di Parma affinché rimanga alla guida dell’ente, così come disposto dalla legge Del Rio. I primi cittadini dei 47 comuni del Parmense hanno soprattutto condiviso l’idea che l’incertezza provocata dall’emergenza sulle risorse non sia solo un problema della Provincia ma di tutti i Comuni del territorio. Per questo con Bernazzoli ancora presidente in Provincia si aprirà una fase collegiale della gestione dei problemi creando insieme le condizioni per uscirne positivamente. E c’è anche un ragionamento politico di fondo che ha unito il presidente ai sindaci: il fatto che nella riforma in corso si debba interrompere un processo che tende a penalizzare le realtà che operano dal basso più vicino ai cittadini.
“I sindaci – ha detto Bernazzoli nell’incontro con stampa al termine della riunione – si rendono conto della complessità della situazione e della difficoltà a ricoprire una responsabilità di questo genere in un contesto difficile come non mai, e chiedono di farlo insieme in questa fase”.
Il presidente riassume così il quadro che bisognerà affrontare: “Non ci sono soldi per gestire i servizi quindi c’è una emergenza – ha affermato- C’è un problema di trasformazione dell’assetto istituzionale che va gestito ora. Poi c’è una difficoltà del territorio di avere un proprio peso nei processi che si stanno definendo a livello provinciale e regionale”. Ed ecco come si procederà dal 25 giugno.
“Primo affrontare l’emergenza aprendo un confronto con Governo e Regione per trovare le risorse – ha continuato Bernazzoli – Abbiamo una serie di progetti anche molto innovativi che la Provincia ha fatto, penso sul sociale e nelle politiche del lavoro, e non vogliamo che vadano a cadere nel vuoto e questo è un secondo terreno di lavoro comune. Terzo l’idea di coordinare il territorio per gestire questioni legate alla riforma di questi enti, come il trasferimento delle funzioni”.
Sempre insieme si lavorerà a un documento per ribadire questi concetti condivisi: la difesa del territorio, delle autonomie locali perché il rischio di neo centralismo è molto forte, il ruolo di Parma nelle decisioni che verranno assunte.
Mi ha fatto piacere l’attestazione di stima nei confronti miei e della giunta che veniva da un operato che abbiamo svolto in questi anni con il massimo di impegno – ha aggiunto Bernazzoli e mi ha fatto piacere lo spirito dell’incontro, vedere tanti sindaci nuovi che condividono la volontà di affrontare la situazione con coraggio e determinazione, non dando l’impressione di essere depressi perché siamo classe dirigente che sa affrontare le difficoltà con l’idea di saltarci fuori. Da parte mia un atteggiamento assolutamente condivisibile”.
E la giunta? “La giunta aveva già la disponibilità a rimanere, salvo casi individuali, per questioni personali” chiarisce.
Visto che la prosecuzione dell’incarico è assolutamente a titolo gratuito cosa farà?
“Dal 1° luglio – spiega – inizio una nuova esperienza nella cooperativa da cui ero distaccato e sono contento e fortunato di poter portare energie a un nuovo progetto, questo mi permette comunque di mantenere un minimo di autonomia per gli impegni che mi assumo per condividere la gestione di questa fase”.

Info sull'Autore

Lascia un commento

XHTML: Puoi usare questi html tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Video Zerosette