Afghan security forces free captured villagers

Sette afghani sono stati condannati a morte per lo stupro di gruppo di 4 donne: l’episodio, il cui processo è stato trasmesso in diretta tv, aveva provocato dure proteste popolari di rabbia nel Paese. Tutti i 7 imputati sono stati ritenuti colpevoli del rapimento e dell’aggressione delle donne, che rientravano a Kabul in auto dopo un matrimonio fuori della capitale. Alcune delle vittime delle violenze hanno testimoniato contro i loro aggressori durante il processo e li hanno identificati.

Alcune delle donne vittime delle violenze hanno testimoniato contro i sette uomini durante il processo ed hanno identificato i loro aggressori in aula. Gran parte della popolazione in Afghanistan si è schierata a favore della pena di morte per i sette imputati e perfino l’attivista per i diritti umani – Dawood Hamdard – ha piantato una tenda vicino al palazzo presidenziale ed ha cominciato uno sciopero della fame per chiedere la pena di morte per i sette.

Lascia una Replica

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: