Published On: Mar, Set 16th, 2014

Fiera del fungo di Borgotaro IGP 2014: gli appuntamenti

fungo-di-borgotaro

Da sagra a fiera, da un giorno a due week end, la Fiera del Fungo di Borgotaro IGP è diventato così nel tempo uno degli eventi più attrattivi del suo genere, capace di rinnovarsi tanto da sembrare sempre diversa e interessante, anche per chi di questo evento è ormai un “abitué”.
Il perchè di tale successo è semplice da capire per chi arriva a Borgotaro nei giorni di fiera, frutto di un mix fra tradizione e innovazione, per una grande festa gastronomica che si snoda per le vie del grazioso centro storico, fra le sue case colorate, e soprattutto fra la sua gente.
E Borgotaro in questi quattro giorni da il meglio di sé, ospitando aree di degustazione, stand gastronomici, mercati tematici, espozioni e concerti, il tutto seguendo un filone unico che valorizza e premia la qualità di tutto ciò che è “popolare”.

“L’impegno profuso dal Comitato organizzatore della 39 edizione della Fiera del Fungo- ha dichiarato il Vice Presidente della Provincia di Parma Pier Luigi Ferrari – testimonia la capacità di dare risposta ad un evento che designato a richiamare visitatori e turisti.Il Fungo porcino, celebrato per le sue peculiari caratteristiche può davvero costituire un naturale motore di sviluppo.”

Il buon cibo, innanzitutto, con una grande fiera, come in una lunga e colorata sfilata dei prodotti tipici delle varie regioni d’Italia, dalla Sardegna al Trentino, con al centro tutta un’area dedicata al Fungo IGP e ai prodotti locali, come le marmellate di montagna e il Parmigiano Reggiano direttamente dai caseifici della Valtaro.
Il fungo, in tutte le sue forme, fresco ovviamente, ma anche secco, sott’olio e in crema, perfetto per chi vuole portarsi a casa il meglio di Borgotaro, ma anche degustarlo comodamente nei tanti ristoranti del centro storico e dei dintorni, cucinato dalle mani sapienti degli chef locali.

Anche il Sindaco di Borgo Val di Taro, Diego Rossi, ha voluto sottolineare l’importanza di tale manifestazione, che “di anno in anno fa scoprire a tante persone Borgotaro e tutta l’alta Valtaro, attraverso le sue tipicità e i suoi eventi, una visibilità che è frutto di un grande lavoro di collaborazione che coinvolge gli enti, le associazioni e le attività commerciali e della ristorazione.”
Un’area del centro sarà poi dedicata al percorso “Qualità e gusto”, che si apre con la degustazione di prodotti DOP e IGP di venerdì 19 alla sera, per continuare il 20 e 21 settembre con incontri e degustazioni, ospite speciale domenica 21 Michele Cannistraro, direttamente da Masterchef Italia.
Sabato 20, invece, degustazione gratuita e incontro a tema con le autrici del libro “In cucina col trucco”(Mondadori).
Non mancherà certo l’intrattenimento musicale, in un percorso anch’esso di ricerca qualitativa attraverso la musica popolare, che vedrà esibirsi in forma itinerante gruppi locali e non, arrivando fino alle atmosfere uniche napoletane con gli Ars Nova. Un salto indietro nel tempo, poi, lo regalerà l’esibizione degli sbandieratori di San Secondo, domenica 28 settembre.
L’arte arriva in fiera come sempre nello spazio del Museo delle Mura, con un’esposizione sempre sul tema della gastronomia locale, mentre fra le novità di quest’anno sicuramente va annoverata la collaborazione con IGERSParma, il gruppo legato al social network instagram, che organizzano un meeting durante il primo week end ed un constest sul tema “Borgotaro e il suo fungo”, che premierà i partecipanti con una mostra per le vie della fiera durante il secondo week end.
Due week end per scoprire il fungo di Borgotaro vivendo la sua terra, in un’esperienza unica alla scoperta del gusto della tradizione, senza rinunciare alle nuove tendenze e alla modernità.

Info sull'Autore

Lascia un commento

XHTML: Puoi usare questi html tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Video Zerosette