Published On: Mer, Set 24th, 2014

La domanda da farsi

Share This
Tags

l43-soldi-catene-111129193636_medium-680x365

La domanda da farsi è questa: a cosa servono le riforme se poi le banche non finanziano le aziende con tassi di interessi onesti in modo che l’economia possa ripartire? A cosa serve questo gran parlare, solo “parlare” se poi le banche ti usurano coi loro tassi di interessi assurdi? Qual è l’impresa che può fare utile se le banche ti fottono il 15 per cento dei tuoi introiti. Siamo in un Paese di pazzi dove tutti , dico tutti, non si rendono conto che la vera mafia sono le banche. I nostri padroni, i soli padroni, che tutto drenano. Ma quale economia può ripartire con questo fardello. Ma chi cazzo sono questi politici e di cosa parlano e le fonti di informazioni, i giornalisti, di cosa si occupano? Ma dico a Floris o Mentana sanno cosa gli costa il loro conto corrente? E se vanno in rosso sanno cosa pagano di interessi? E poi, quale giornalista ha mai fatto l’imprenditore per capire in che situazione ci troviamo, o parlano solo e sempre di teoria. E’ troppo facile parlare di un problema che non si conosce perché si vive dietro la sicurezza di un ottimo stipendio; ma chi te lo dà? A quali rischi è esposto? 

A Parma c’è, o c’era, non si sa a sapere, un debito pubblico di circa 800 milioni di euro, ma ci siamo mai chiesti chi li ha fatti? E quelli che li hanno fatti, stanno pagando qualcosa? O chi lo sta pagando realmente? Noi. 

E Pizzarotti, cosa ha fatto o cosa sta facendo per far pagare i veri colpevoli? Aspetta che scada il suo mandato, così il problema passerà al prossimo sindaco che certamente non sarà lui. Tutto con il tempo si appiana, perché il tempo, prima o poi paga tutti e i colpevoli pagheranno solo con la propria morte. E’ di questi giorni  la notizia che la BCE presterà alle banche circa 83 miliardi di euro destinati a finanziare le imprese piccole, medie e grandi, pagando questo denaro una miseria (0,05 per cento). Per prestarlo poi a tassi assai salati, se non addirittura a usura. Ma a nessuno viene in mente che le banche farebbero meglio a pagare i loro debiti nei confronti di tutti gli imprenditori in causa con esse per usura e anatocismo. 

Sapete quanto denaro ritornerebbe nelle tasche dei veri proprietari e quanti soldi si risparmierebbero di cause? E quanti imprenditori riprenderebbero ad avere fiducia nelle istituzioni. Ma così non sarà e l’economia continuerà ad essere soffocata da questo sistema assurdo che col tempo la strozzerà del tutto. E i politici e la politica cosa fanno? Nulla. Sono prigionieri dei banchieri. Siamo tutti prigionieri. Prigionieri di un sistema che non crederà mai in una rivoluzione, anche se questa è l’unica soluzione possibile. L’ingiustizia trionferà perché è l’unica che giorno per giorno aumenta sempre di più. 

Vedi il tribunale di Parma e tanti altri tribunali in Italia. Haimé, prima o poi anche questi giudici moriranno e cosa avranno ottenuto dalla loro vita, cosa avranno imparato? 

Alla loro coscienza la risposta.  

Info sull'Autore

Lascia un commento

XHTML: Puoi usare questi html tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Video Zerosette